Milan, già deciso il futuro di Pioli | La situazione

La mancata qualificazione in Champions League sarebbe una delusione al Milan. La posizione di Pioli sarebbe in bilico? Il club ha già un’idea in merito.

Stefano Pioli (©Getty Images)

I recenti risultati negativi del Milan, sconfitto contro Sassuolo e Lazio, e la discesa della squadra dal secondo al quinto posto della classifica hanno attirato alcune critiche verso Stefano Pioli. E, insieme a queste, anche dei dubbi sul suo futuro.

Sono trapelate indiscrezioni che danno la sua panchina non salda in caso di mancata qualificazione alla prossima Champions League. Dopo essere stati a lungo nelle prime due posizioni, per i rossoneri sarebbe un fallimento rimanere fuori dalla competizione. Normale che un po’ di scetticismo possa esserci anche sulla permanenza dell’allenatore emiliano.


Leggi anche:


Pioli resterà al Milan: anche senza Champions League

Secondo quanto spiegato oggi dal quotidiano Tuttosport, a Casa Milan la posizione di Pioli non viene messa in discussione. La sua permanenza sulla panchina rossonera non è in dubbio per la prossima stagione. La dirigenza ha fiducia nell’allenatore e anche senza qualificazione alla prossima Champions League intende confermarlo.

Va detto che a inizio stagione Paolo Maldini aveva dichiarato che non c’era l’obiettivo obbligatorio di entrare in Champions. La squadra si è ritrovata, con merito, a lottare per qualificarsi alla competizione e dunque sarebbe certamente una grossa delusione se non dovesse farcela a chiudere almeno al quarto posto.

Purtroppo il Milan ha perso punti in maniera sciocca contro avversari di media-bassa classifica. Punti che pesano molto oggi. Vero che i rossoneri sono ancora in piena corsa per farcela, però le ultime sconfitte possono pesare mentalmente e il calendario prevede due scontri diretti impegnativi in trasferta contro Juventus e Atalanta. Le cose si sono decisamente complicate. Intanto bisogna tornare a vincere sabato contro il Benevento a San Siro.

L’opzione di addio di Pioli comunque non viene presa in considerazione oggi. La società è soddisfatta del lavoro che ha fatto il tecnico emiliano in questa stagione. Sono apprezzate anche le sue qualità umane, oltre che professionali. Ha valorizzato dei giovani e ha ottimo feeling con Zlatan Ibrahimovic. Salvo colpi di scena, ci sarà ancora lui sulla panchina del Milan nella prossima stagione.