Calhanoglu, tre possibili destinazioni se lascia il Milan

Il futuro di Hakan Calhanoglu è diviso tra la permanenza al Milan e un addio a fine campionato. Si parla soprattutto di 3 opzioni.

Hakan Calhanoglu
Hakan Calhanoglu (©Getty Images)

Si parla con insistenza della questione Gianluigi Donnarumma. Ma in casa Milan spicca anche un altro problema a livello di rinnovo contrattuale. Riguarda il futuro di Hakan Calhanoglu, il fantasista e numero 10 turco che indossa la maglia rossonera dal 2017.

Calhanoglu, proprio come il compagno di squadra tanto chiacchierato, vedrà scadere il proprio accordo con il Milan al 30 giugno prossimo. Ma ad oggi non si registrano passi in avanti da parte del club nella trattativa di rinnovo. Inoltre Paolo Maldini ha messo tutto in stand-by, per evitare che vi siano distrazioni e voci insistenti sui propri tesserati.

La situazione è già stata descritta nelle ultime settimane. Il Milan ha proposto a Calhanoglu un rinnovo a lungo termine da circa 4 milioni di euro a stagione, bonus compresi. L’agente Gordon Stipic, dopo aver inizialmente sparato alto, pretende almeno 5 milioni più ulteriori premi. La fase di stallo non è stata ancora sbloccata.


Leggi anche:


Le tre opzioni di Calhanoglu: una pista italiana e due estere

La priorità di Calhanoglu, almeno secondo i ben informati, sarebbe sempre quella di trovare un accordo con il Milan. Il turco si sente al centro del progetto e non intende lasciare così facilmente la squadra che lo ha letteralmente lanciato nel calcio che conta.

Ma senza un accordo per rinnovare, il classe ’94 si guarderà presto intorno. Le opzioni non mancano: pare che ben tre club di livello internazionale si stiano muovendo ed interessando a Calhanoglu, che come acquisto a parametro zero rappresenterebbe un colpo molto conveniente.

In Italia c’è la Juventus. Oltre che sulle tracce di Donnarumma, gli storici rivali del Milan si starebbero informando anche sulla possibilità di strappare il cartellino di Calhanoglu. Molto dipenderà dal prossimo allenatore bianconero, ma il profilo del fantasista turco non dispiace affatto, a prescindere dalla guida tecnica.

Sirene anche in Premier League. In particolare l’Arsenal, pronto a rivoluzionare la rosa dopo un campionato molto deludente, si sarebbe fatto vivo con l’entourage di Calhanoglu. I Gunners se non riuscissero a trattenere Ceballos e Odegaard (entrambi in prestito dal Real Madrid) potrebbero seriamente virare sul milanista.

Infine l’opzione più sentimentale. Ovvero un ritorno in patria, al Galatasaray. In effetti Calhanoglu ha più volte ammesso di tifare per il club di Istanbul e di volere un giorno indossare la maglia giallorossa. Chissà se effettivamente il momento propizio giungerà la prossima estate.