Parma in Serie B, Conti non riscattato: tornerà al Milan

Il Parma non è obbligato a riscattare Andrea Conti, dato che la squadra non è rimasta in Serie A. L’ex Atalanta farà rientro al Milan.

Conti Andrea Theo Hernandez
Andrea Conti e Theo Hernandez (©Getty Images)

Salta l’obbligo di riscatto del cartellino di Andrea Conti. Il Parma ha perso contro il Torino ed è matematicamente retrocesso in Serie B.

L’accordo tra il club emiliano e il Milan prevedeva l’acquisto automatico del giocatore in caso di salvezza in Serie A. Tale condizione non si è verificata e pertanto sfuma un’operazione che avrebbe portato nelle casse rossonere circa 7 milioni di euro.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, Conti rientra dal Parma: nuova cessione

Conti farà ritorno al Milan e verrà nuovamente ceduto. Il suo contratto scade a giugno 2022 e non sembra esserci margine per un rinnovo. La sensazione è che le parti si separeranno e ciò dovrà avvenire a titolo definitivo.

Il club rossonero spera di ricavare 6-7 milioni dalla vendita del laterale destro classe 1994, che potrebbe tornare utile a più squadre della Serie A. Non vanno escluse piste estere, però la preferenza del giocatore risulta essere quella di rimanere in Italia.

Milan, torneranno anche Caldara e Laxalt

A proposito di calciatori del Milan che in questa stagione hanno giocato in prestito in altre squadre, ci saranno altri ritorni a Milanello. Mattia Caldara non verrà riscattato dall’Atalanta per i circa 15 milioni pattuiti nel gennaio 2020. Il difensore bergamasco non ha convinto il club nerazzurro a fare tale investimento. Tornerà a Milano in attesa di capire il suo futuro.

Farà rientro in rossonero anche Diego Laxalt, ceduto in prestito secco al Celtic. La società di Glasgow non sembra interessata ad avviare una nuova trattativa per l’acquisto a titolo definitivo del cartellino. Salvo sorprese, gli scozzesi restituiranno il terzino sinistro al Milan al termine della stagione. Anche per l’ex Genoa ci sarà un futuro da definire poi. Probabile una nuova cessione, ma a titolo definitivo, considerato che il suo contratto scade a giugno 2022.