Ibra e Mandzukic sfidano il passato | Potevano entrambi tornare alla Juve

I due attaccanti del Milan contro la loro ex squadra. Entrambi sarebbero potuti tornare in bianconero nel recente passato.

Mandzukic e Ibrahimovic
Mandzukic e Ibrahimovic (©Getty Images)

Rosa al completo per il Milan che questa sera sfiderà la Juventus in un match a dir poco determinante. Se si esclude la squalifica del solo Samu Castillejo, la squadra rossonera potrà schierare l’artiglieria pesante per sfatare il tabù Allianz Stadium.

Rispetto al match d’andata, perso in casa 1-3 in piena emergenza, Stefano Pioli avrà a disposizione entrambi i propri centravanti. Zlatan Ibrahimovic e Mario Mandzukic sono tra i convocati e potranno dare una grossa mano alla fase offensiva.

I due calciatori, veri e propri veterani del nostro calcio, sono anche ex di turno. In periodi differenti sia Ibra che Mandzukic hanno indossato la maglia della Juventus, restando in qualche modo nel cuore dei tifosi bianconeri per svariati motivi.


Leggi anche:


Ibrahimovic cercato dalla Juve nel 2016

Ad esempio Ibrahimovic sbarcò per la prima volta in Italia proprio nelle fila della Juventus. Era la fine dell’estate 2004, quando il giovanissimo e promettente centravanti svedese accettò la corte di Luciano Moggi e fu ingaggiato dall’Ajax.

Ibra restò in bianconero per due anni, quelli che anticiparono lo scandalo Calciopoli. Sul campo lo svedese ha vinto due Scudetti (poi tolti dal tribunale sportivo), con uno score di 23 reti ufficiali in 70 presenze.

Ibrahimovic e Nesta
Ibrahimovic e Nesta (©Getty Images)

Ibra sarebbe potuto anche tornare alla Juventus molti anni dopo. Precisamente nell’agosto 2016, quando i bianconeri cercavano un centravanti che potesse alternarsi a Gonzalo Higuain per la formazione allora guidata da Massimiliano Allegri.

All’epoca Ibrahimovic era ancora in forza al PSG, ma il suo contratto stava scadendo inesorabilmente. La Juve (così come il Milan) fu solo una tentazione in quel periodo, visto che lo svedese scelse poi di tentare l’esperienza in Premier League finendo al Manchester United di Mourinho.

Mandzukic si era proposto alla Juve a gennaio

Un vero e proprio idolo per molti tifosi juventini è ancora tutt’oggi Mario Mandzukic. Il croato è stato il simbolo di una Juventus forte, combattiva, spietata, sempre sotto la guida di mister Allegri. Il suo rendimento tra il 2015 ed il 2019 parla di 118 gare e 31 reti.

Il suo addio, determinato dalla scarsa considerazione di Maurizio Sarri, non è andato già a molti tifosi. In tanti hanno persino richiesto un suo ritorno, che poteva materializzarsi qualche settimana prima del suo sbarco a Milanello.

A gennaio scorso Mandzukic, ormai svincolatosi dall’Al-Duhail, si era persino proposto alla Juve di Pirlo. I bianconeri infatti erano alla ricerca di un’alternativa a Morata, ma non hanno mai seriamente pensato al croato. Il quale ha sposato invece l’offerta del Milan, anche se per ora non è riuscito ad imporsi per problematiche fisiche.