Il Milan sogna De Paul: interesse forte, ma c’è un problema

Il Milan pensa già alla Champions e il regalo per Pioli potrebbe essere Pioli, ma c’è un ostacolo da superare

Rodrigo de Paul
Rodrigo de Paul (©Getty Images)

L’attenzione del Milan è tutta sul campo e alla Champions da conquistare. I rossoneri, impegnati domani contro il Cagliari, non possono più sbagliare, in attesa dei risultati di oggi di Juve, Atalanta e anche Lazio. Intanto però negli uffici di Casa Milan si pensa anche al futuro: la partecipazione al più importante torneo d’Europa significa più soldi e quindi margine di manovra più ampio anche in chiave calciomercato. Anche se, come è giusto sottolineare, nei piani di Elliott c’è comunque l’idea di evitare grosse spese.

Un colpo di livello però va fatto, e questo Maldini lo sa. Il nome c’è, ed è quello di Rodrigo De Paul. Come scrive oggi la Gazzetta dello Sport, il club non nasconde di avere un certo interesse per il fantasista argentino, diventato ormai un giocatore totale all’Udinese. Quest’anno, con Gotti, è cresciuto molto dal punto di vista tattico ed è divenatato una mezzala completa. Il Milan con lui farebbe un acquisto davvero eccezionale, ma c’è un problema: il prezzo. Con un contratto in scadenza nel 2024, ad oggi i friulani valutano De Paul intorno ai 40 milioni. Sono davvero tanti, ecco perché si pensa all’inserimento di qualche contropartita tecnica per abbassare il prezzo (Hauge?), ma potrebbe non bastare.


Leggi anche:


De Paul al Milan: come cambia il centrocampo

Come detto, De Paul è diventato un centrocampista completo. All’inizio era considerato un trequartista o una seconda punta di fantasia e basta; nel corso degli anni ha messo su muscoli, è cresciuto tatticamente e si è trasformato in un giocatore capace di fare tutto. Nel 3-5-1-1 di Gotti lui si muove da mezzala a sinistra, con scopi offensivi ma non solo: si inserisce in fase offensiva, è il riferimento di tutta la squadra per la conduzione delle ripartenze ma è attento anche a coprire campo e a chiudere linee di passaggio. Insomma, veramente un giocatore totale. Al Milan farebbe parecchio comodo, anzi: aumenterebbe di gran lunga il tasso di qualità di tutta la mediana.

Nell’attuale sistema di gioco, Pioli potrebbe sicuramente utilizzarlo nei tre dietro la punta, in tutte le zone: preferibilmente centrale o a sinistra (in modo da rientrare e giocare con il destro) ma anche a destra (dove sarebbe un po’ limitato). Ma c’è di più: in alcuni casi, De Paul potrebbe agire anche da centrocampista centrale al fianco di Franck Kessie o Ismael Bennacer. In questi mesi è cresciuto tanto da poter tranquillamente ricoprire anche quella zona di campo.