Calciomercato Milan, colpo Beyer: via libera dall’Inghilterra

Arrivano novità legate a cIl giovane talento danese classe 2005, finito nel mirino del Milan, piace anche a Chelsea, Inter e Juventus

 Mads Beyer
Mads Beyer (© Getty Images)

Il Milan è tra le squadre più attente ai giovani talenti. Le ultime sessioni di calciomercato hanno dimostrato che la politica rossonera è incentrata soprattutto sulla linea verde. In questi giorni al Diavolo è stato accostato Mads Beyer. Il talento danese classe 2005, seguito dagli scout rossonero, piace davvero a mezza Europa: l’interesse da parte del Milan è confermato dal ‘Sunday Mirror’, che sottolinea, però, come la concorrenza sia di quelle importanti.


Leggi anche:


La concorrenza per Beyer

Su Beyer, infatti, c’è anche il Chelsea, pronto a muovere passi concreti per il calciatore, ammirato anche con la Nazionale Under 17. Gli inglesi vorrebbero acquistarlo il prima possibile ma le linee guida della Fifa – si legge – non permetterebbero l’acquisto di under 18 dall’estero. Le difficoltà derivano dalla Brexit, che potrebbe dunque complicare i piani del Chelsea e favorire lo sbarco in Italia di Beyer, che oltre ai rossoneri piace anche a Inter e Juventus.

Il giocatore, non ancora 16enne (li compirà il prossimo 25 agosto), è paragonato in patria ad un certo Kevin de Bruyne. Un paragone certamente pesante ma la qualità non sembra davvero in discussione visto l’interesse attorno al suo nome.

Sfida a tre per De Paul

Beyer non è l’unico calciatore che piace sia a Milan che a Inter e Juventus. Si parla chiaramente di tutt’altro mercato ma le tre squadre sono pronte a sfidarsi soprattutto per Rodrigo De Paul. Il centrocampista argentino ha dimostrato, con la maglia dell’Udinese di essere pronto al definitivo salto di qualità.

Servono circa 40 milioni di euro e le tre squadre proveranno a convincere i bianconeri, magari con l’inserimento di qualche contropartita tecnica. Nei giorni scorsi si era parlato di un’offerta, da parte del Milan, che prevedrebbe anche i cartellini dei giovani Breesciani, Pobega e Hauge.