Calciomercato Milan, addio Dalot | Idea italiana per il vice Calabria

Dalot sembra destinato a lasciare al Milan e a rientrare al Manchester United. Per il ruolo di vice Calabria spunta anche l’idea Zappacosta.

Davide Calabria
Davide Calabria (©Getty Images)

A fine stagione è molto probabile che Diogo Dalot lasci il Milan. Il club rossonero non aveva pattuito un diritto di riscatto con il Manchester United ed è improbabile un investimento sul cartellino.

I Red Devils non ritengono il terzino portoghese incedibile, però chiedono circa 18 milioni di euro venderlo. Paolo Maldini e Frederic Massara sono poco propensi a effettuate una simile spesa. Comunque c’è l’idea di prendere un terzino destro che possa fare da vice di Davide Calabria.


Leggi anche:


Milan, opzione Zappacosta a destra?

Secondo quanto spiegato dal quotidiano Il Secolo XIX, il Milan starebbe valutando anche Davide Zappacosta come innesto per la fascia destra. Il laterale classe 1992 ha giocato in prestito al Genoa in questa stagione, ma è probabile un rientro al Chelsea nonostante il club ligure stia provando a confermarlo.

Il ritorno a Londra sarebbe momentaneo, visto che Zappacosta non rientra nel progetto di Thomas Tuchel. Il giocatore ha un contratto fino al giugno 2022 con i Blues e può trasferirsi a titolo definitivo a un prezzo non elevato nella prossima finestra estiva del calciomercato.

Sulle tracce di Zappacosta ci sono anche Atalanta e Inter. L’ex Torino ha disputato una buona stagione 2020/2021 con 4 gol e 2 assist in 24 partite, spera di avere la chiamata di una delle squadre di alta classifica della Serie A. Non ricevesse l’offerta desiderata, sarebbe comunque contento di proseguire eventualmente la sua esperienza al Genoa.

Il Chelsea valuterà le proposte che arriveranno, cercando di ricavare il più possibile dalla cessione di un calciatore pagato 25 milioni di euro nell’estate 2017. La vicina scadenza contrattuale non consente ai Blues di poter puntare a una vendita a prezzo particolarmente elevato, ma l’obiettivo è comunque quello di racimolare un po’ di milioni.

Zappacosta percepisce un ingaggio da circa 2 milioni netti a stagione. Anche questo fattore può essere un problema per il Genoa, che ha meno risorse da poter spendere rispetto alla concorrenza.