Paradiso Milan, finalmente Champions! Dopo 7 anni nell’Europa che conta

Una serata memorabile quella di ieri a Bergamo per il Milan. La squadra di Pioli raggiunge il secondo posto e l’obiettivo.

Il Milan festeggia
Il Milan festeggia (©Getty Images)

Il 23 maggio porta bene al Milan. L’anniversario del trionfo ateniese targato Pippo Inzaghi rappresenta anche il ritorno nel calcio che conta dei rossoneri. Un’attesa durata ben sette anni, da quel 2014 in cui l’allora squadra di Clarence Seedorf fece l’ultima apparizione in Champions League.

Un traguardo meritato dal Milan, al termine di una stagione lunghissima. Iniziata con i preliminari di Europa League e trascinata dall’entusiasmo di un gruppo ritrovato, rigenerato dalla cura Stefano Pioli, guidato dalla leadership di Zlatan Ibrahimovic.

Oggi la Gazzetta dello Sport parla di capolavoro di Pioli. Il tecnico, giunto al Milan per sostituire il deludente Giampaolo nel 2019. I meriti sono sotto gli occhi di tutti: nonostante alcuni zoppicamenti recenti (lo 0-0 col Cagliari di domenica scorsa), la squadra ha sempre dato risposte apprezzabili, denotando un carattere finalmente vincente.


Leggi anche:


Atalanta-Milan, l’analisi tattica

Un Milan accorto, concentrato ed equilibrato. Chi si aspettava un assalto all’arma bianca ieri contro l’Atalanta ha dovuto ricredersi, visto che la banda Pioli è entrata in campo al Gewiss Stadium per fare la sua partita, senza correre rischi e colpendo al momento opportuno.

Una prestazione simile a quella di Juventus-Milan. Attenzione massima in difesa (cinque cleen sheet consecutivi) e capacità di colpire un’Atalanta meno brillante del solito, forse ancora delusa dalla sconfitta nella finalissima di Coppa Italia.

Il Milan ha vinto dunque giocando a viso aperto ma senza scomporsi, come le grandi squadre, coloro che sanno attendere e capire quando è il momento di fare centro. Il tutto dopo un primo tempo comunque non emozionante, senza grossi guizzi e risolto da un calcio di rigore del solito glaciale Franck Kessie.

I rossoneri hanno saputo difendersi senza soffrire anche nella ripresa, sfiorando il raddoppio con un Rafael Leao finalmente vivace, che ha colpito il palo sullo 0-1. Nel finale altro calcio di rigore netto e altra esecuzione magistrale di Kessie, che chiude i conti e manda il Milan in orbita.

Un 2-0 che regala anche il secondo posto al Milan: miglior piazzamento stagionale da nove anni a questa parte. L’ultima volta fu nel 2011-2012, con Massimiliano Allegri allenatore e Ibra capocannoniere. Il Diavolo ripartirà ancora da Zlatan, felicissimo come tutti i suoi compagni. La Champions è realtà, l’Europa dei grandi spalanca le porte dopo un’eternità.