Dalot: “Migliorato al Milan, grazie Pioli”. Sul futuro non si sbilancia

Dalot commenta la stagione trascorsa in prestito al Milan. È felice di quanto ha imparato anche grazie a Pioli. Sul futuro non sa che dire.

Diogo Dalot
Diogo Dalot (©Getty Images)

Uno dei volti nuovi del Milan 2020/2021 è stato Diogo Dalot, arrivato in prestito secco dal Manchester United. Rendimento altalenante il suo e non è ancora chiaro quale sarà il suo futuro.

Stefano Pioli e la dirigenza lo hanno apprezzato, però i Red Devils chiedono 18-20 milioni di euro per il cartellino. Difficilmente verrà fatto tale investimento per un terzino che comunque sarebbe una seconda scelta. Ci fosse l’apertura a un prolungamento del prestito, magari inserendo il diritto di riscatto, sarebbe più semplice trattenerlo a Milano.


Leggi anche:


Dalot contento al Milan, ma futuro incerto

Dalot ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport e ha fatto un bilancio positivo di questa stagione trascorsa in Italia: «Mi piace diventare sempre più completo. Sul campo sento di essere migliorato molto tatticamente. Alcuni aspetti difensivi li ho imparati qui ed è stato fantastico sviluppare anche queste qualità. Ma non solo: in attacco come andare in pressione alta, il recupero palla il prima possibile… Tutto molto utile».

Diogo ha spiegato anche cosa Pioli gli abbia insegnato nel corso di questa annata in maglia rossonera: «Che la squadra deve essere concentrata per tutti i novanta minuti e consapevole di ogni singolo aspetto della partita, di ciò che sta succedendo. E la convinzione che tutto quello che prepari in allenamento lo ritroverai in partita, che andrà esattamente così».

Inevitabile commentare il raggiungimento della qualificazione alla prossima Champions League: «Il nostro obiettivo fin dall’inizio. Vero che a un certo punto abbiamo pensato pure allo scudetto, ma l’importante era entrare in Champions. E siamo molto felici di esserci riusciti».

Infine Dalot non ha potuto sbilanciarsi per quanto concerne il suo futuro, è ancora tutto incerto e non sa cosa succederà nelle prossime settimane: «Dico che ho passato un anno fantastico e ho incontrato bellissima gente. È stato un vero piacere giocare nel Milan ma ora penso all’Europeo e davvero non so cosa succederà». Testa all’Europeo Under 21 col Portogallo, poi si vedrà…