Roma-Belotti, l’annuncio di Cairo | Il Milan osserva

Urbano Cairo ha risposto alle domande legate al futuro di Andrea Belotti. L’attaccante, che piace al Milan, nelle ultime è stato accostato con forza alla Roma. Ecco le parole del presidente del Torino

Andrea Belotti
Andrea Belotti (© Getty Images )

A margine dell’Assemblea di Lega, che avrebbe dovuto dare il via libera alla Serie A spezzatino, il presidente del Torino, Urbano Cairo, è stato intercettato dai giornalisti presenti, tra cui quelli di Calciomercato.it. Inevitabili le domande legate al futuro di Andrea Belotti.

Il centravanti granata e della Nazionale di Roberto Mancini, nelle ultime ore, è stato accostato con forza alla Roma di Jose Mourinho. Si è parlato di un’offerta da 20 milioni di euro da parte del club capitolino, intenzionato a chiudere per regalarsi il bomber azzurro.

“Offerte dalla Roma? No, niente. Facciamogli fare un grande”, ha affermato Cairo. Parole, dunque, che non fanno chiarezza sul futuro di Belotti. L’affare con il club giallorosso, però, non è in chiusura come poteva sembrare dalle notizie arrivate nelle scorse ore.

Bisognerà attendere la conclusione degli Europei di calcio, per conoscere il futuro del ‘Gallo’. Ricordiamo che Belotti ha un contratto in scadenza il 30 giugno del 2022. Appare evidente che senza un rinnovo, l’addio in estate sarebbe davvero inevitabile. Belotti, che non ha mai nascosto la sua fede rossonera, è stato accostato al Milan, che però non ha mai mosso passi concreti.


Leggi anche:


 

Cercasi bomber

In attesa di capire quale sarà il futuro di Andrea Belotti e se c’è ancora la possibilità di vederlo in rossonero, il Milan si guarda attorno alla ricerca del centravanti da affiancare a Ibrahimovic. L’acquisto di un bomber, che possa ricoprire il ruolo di co-titolare dello svedese, è resta una priorità. La sensazione è che in cima alla lista dei desideri ci sia ancora Olivier Giroud. Bisognerà dunque capire se il Milan potrà riuscire a mettere le mani sul calciatore francese senza spendere per il suo cartellino. Toccherà al suo entourage liberarsi per firmare un biennale al Milan, dove avrebbe certamente maggior spazio per mettersi in mostra, per non perdere la Nazionale in vista dei prossimi appuntamenti