Milan, suggestione per l’attacco: colpo last-minute

Il Milan dovrà valutare la condizione di Zlatan Ibrahimovic. Non è escluso un acquisto per l’attacco a fine mercato.

Argentina
La Nazionale argentina (©Getty Images)

Le mosse del Milan in attacco, durante la sessione estiva di calciomercato, dipenderanno quasi esclusivamente dalle condizioni fisiche e muscolari di Zlatan Ibrahimovic. Infatti il ginocchio del quasi 40enne centravanti ancora non è del tutto guarito.

Viste le tante assenze per infortuni vari nell’ultima stagione, il Milan dovrà cautelarsi acquistando un altro attaccante. Il nome di Olivier Giroud sembra essere in pole, ma c’è chi spera che la dirigenza vada su un calciatore meno ‘veterano’ e più sulla cresta dell’onda.

Secondo le indicazioni odierne della Gazzetta dello Sport, se Ibrahimovic dovesse riprendersi bene già durante la preparazione estiva, il Milan potrebbe attendere prima di sferrare il colpaccio in attacco e valutare le occasioni che il mercato potrà regalare, anche nelle ultime settimane della sessione.


Leggi anche:


Il Milan non molla Icardi: ipotesi di fine agosto

In particolare la Gazzetta torna a fare il nome di Mauro Icardi in orbita Milan. Un’operazione che ad oggi appare molto difficile da realizzare, per svariati motivi. L’argentino, che tornerebbe in Serie A molto volentieri, è infatti ancora un elemento importante della rosa del PSG.

Per non parlare degli 8 milioni netti di stipendio che Icardi percepisce dalle parti della Torre Eiffel. Cifra alta che però il Milan potrebbe anche soddisfare con maggior agilità fiscale grazie al Decreto Crescita. In pole per ingaggiare Icardi c’è sempre la Juventus: i discorsi con il PSG e la pazza ipotesi di scambio con Cristiano Ronaldo ancora fanno parlare di sé.

Icardi
Mauro Icardi (©Getty Images)

Se però a fine agosto Icardi dovesse essere ancora un calciatore dei parigini, il Milan potrebbe anche tentare l’assalto, sfruttando gli ottimi rapporti con l’ex d.g. rossonero Leonardo. Una operazione di prestito per sistemare l’attacco e regalare a Stefano Pioli un’altra prima punta di spessore.

Situazione comunque complicata ed ancora remota. Molto dipenderà dalle condizioni di Ibrahimovic e dalle altre pretendenti in lizza per Icardi. Una cosa è certa: Paolo Maldini ammira molto l’ex numero 9 dell’Inter e riportarlo in Italia sarebbe assolutamente un colpaccio, anche in chiave Champions League