Calciomercato Milan, colpo in attacco: arriva in 48 ore

Il Milan è pronto a chiudere per Olivier Giroud entro le prossime 48 ore. La distanza, tra domanda e offerta, è davvero minima: sul tavolo del francese un biennale da 3,5 milioni di euro

Paolo Maldini
Paolo Maldini (© Getty Images)

Quella che sta per iniziare sarà davvero una settimana intensa. Come raccontato, entro il 16 giugno bisognerà esercitare il riscatto di Sandro Tonali dal Brescia. L’accordo ormai è stato raggiunto, con un importante sconto, che porterà i rossoneri a versare nelle casse delle Rondinelle 15 milioni di euro. Il risparmio totale, tra parte fissa e bonus, è di una decina di milioni ma al Brescia, che sarà allenato da Pippo Inzaghi, andrà anche il cartellino del giovane Olzer, per il quale il Milan dovrebbe mantenere un diritto di ricompra.

Non tarderà, inoltre, ad arrivare anche l’annuncio ufficiale di Fikayo Tomori, per il quale – come raccontato – non ci sono più dubbi ormai da tempo. Tutto è stato deciso un paio di settimane fa, con il Chelsea che andrà ad incassare più di 28 milioni di euro, come pattuito a gennaio. Nessuno sconto ma solo un pagamento dilazionato.


Leggi anche:


Giroud arriva subito

Come scrive stamani La Gazzetta dello Sport, queste dovrebbe essere, inoltre, le ore di Olivier Giroud. L’affare è in dirittura d’arrivo con la fumata bianca, che dovrebbe arrivare, entro le prossime 48 ore. Sono attesi contatti tra le parti già oggi, con l’obiettivo di chiudere: la distanza è davvero minima, con il Milan che avrebbe messo sul piatto un’offerta da 3,5 milioni di euro netti per 2 anni e Giroud che ne vorrebbe 4.

Difficile che l’affare non vada in porto, anche perché il desiderio del francese, di vestire il rossonero, è davvero tanto, e il Milan, ad oggi, non ha certezze in merito alle condizioni di Zlatan Ibrahimovic. Solo fra qualche giorno se ne saprà di più ma i rossoneri sperano di aver già messo a disposizione di Pioli un nuovo attaccante.

E’ evidente che per mettere le mani su Giroud servirà il via libera da parte del Chelsea, con il Milan che non appare intenzionato a pagare alcun indennizzo al club londinese.