Milan, nuovo stadio più vicino | Chiarimento tra l’Inter e Sala

Zhang e Antonello hanno parlato con Sala per chiarire la posizione dell’Inter e della proprietà Suning. Summit positivo anche in ottica stadio. Milan più sereno.

Nuovo stadio Milano Sportium
Nuovo stadio Milano – Progetto Sportium

Nella giornata di ieri è andato in scena un importante incontro tra l’Inter e il sindaco di Milano. Il presidente Steven Zhang e l’amministratore delegato Alessandro Antonello hanno avuto un confronto con Giuseppe Sala.

Colloquio molto importante, dopo le tensioni delle scorse settimane. Il primo cittadino milanese aveva chiesto chiarezza al club sul futuro societario, dato che l’attuale proprietà Suning era alla ricerca di nuovi investitori e ci sono state anche trattative per la cessione di quote. Per questo motivo, aveva di fatto bloccato il dossier del nuovo stadio.

La presa di posizione di Sala aveva irritato molto l’Inter. E il Milan, coinvolto nel progetto del nuovo San Siro, non era certamente contento della situazione perché rischiava di allungare un inter già lungo di suo.


Leggi anche:


Milan e Inter, quando il nuovo stadio?

L’incontro di ieri tra i vertici nerazzurri e il sindaco di Milano ha permesso di chiarire determinati aspetti e di riallacciare i rapporti, così da riprendere anche le discussioni sul nuovo stadio. Zhang ha confermato l’impegno a medio-lungo termine di Suning. Il gruppo cinese intende essere ancora alla guida del club almeno per i prossimi cinque anni, se non di più, e intende esserci quando verrà inaugurato il nuovo impianto sportivo.

Zhang ha ribadito a Sala quanto il progetto stadio sia importante sia per i club che per la città stessa. Le ruggini sono state superate e il dialogo può proseguire con maggiore serenità adesso. Il sindaco di Milano chiedeva chiarezza e l’ha ottenuta, è soddisfatto delle parole del presidente nerazzurro e ritiene che la continuità nella proprietà sia fondamentale per procedere con l’iter autorizzativo del nuovo stadio.

La Gazzetta dello Sport spiega che all’appello manca l’ok della Giunta comunale per far diventare esecutivo il progetto. Poi si passerà alla fase 2, in cui dover scegliere tra la “Cattedrale” di Populous e gli “Anelli” di Manica Sportium. Il fatto che quest’anno ci siano le elezioni comunali certamente non aiutano a dare un orizzonte temporale preciso di come procederà il tutto. Comunque i club sono fiduciosi di riuscire nei propri intenti.