Milan, il Belgio è pieno di talenti: tre giovani da tenere d’occhio

Il Belgio che stasera affronterà l’Italia è ricco di stelle affermate. Ma occhio anche a qualche risorsa meno nota.

Trossard e Doku
Trossard e Doku (©Getty Images)

Per l’Italia questa sera non sarà certamente una passeggiata di salute. Il Belgio è un avversario più che complicato nella corsa ad Euro 2020, forse il primo vero impegno di alto rango della competizione per la formazione di Roberto Mancini.

Prima nel Ranking FIFA attuale, la Nazionale belga è guidata dal c.t. Martinez ed è una sorta di parata di stelle. Impossibile non citare elementi del calibro di Lukaku, De Bruyne o Hazard (gli ultimi due in dubbio), così come veterani ancora inossidabili come Vermaelen, Vertonghen e Witsel.

Insomma, una super squadra con calciatori che sul mercato valgono fiori di quattrini. Ma il Belgio è composto anche da talenti meno conosciuti che sono però pronti a far parlare di sé. Dei piccoli gioielli che possono scatenare l’interesse sul mercato estivo di molti club.


Leggi anche:


Doku, la giovane freccia belga del Rennes

Un esempio lampante è certamente Jeremy Doku. Un profilo ancora poco noto o esaltato ad alti livelli, ma che in realtà è un fedelissimo del c.t. Martinez. Esterno d’attacco belga, con origini ghanesi, Doku è uno dei calciatori più giovani dell’Europeo.

Classe 2002, movenze da fuoriclasse e grande rapidità nell’uno contro uno. Durante la competizione Doku si è fatto notare positivamente contro la Finlandia, con l’opportunità di giocare da titolare. Non sappiamo se contro l’Italia avrà spazio, ma certamente è un talento da seguire approfonditamente. Il Rennes, con cui ha giocato un’ottima stagione, lo valuta non meno di 25 milioni di euro.

Trossard, il jolly della trequarti

Meno giovane ma anche lui in netta ascesa. Leandro Trossard, fantasista del Belgio che fatica a trovare spazio per la concorrenza di altri elementi di maggior esperienza. Ma pian piano si sta facendo strada, soprattutto grazie alla crescita avvenuta in Premier League.

Il classe ’94 gioca nel Brighton da un paio di anni e ha dimostrato la sua migliore qualità: il dinamismo offensivo, visto che sa giocare bene in tutti i ruoli della trequarti. Inoltre è un ottimo assist-man fin dai tempi del Genk, la sua prima squadra in Belgio. Trossard viene valutato tra i 15-18 milioni di euro.

Dendoncker, il prototipo del centrocampista moderno

Partito titolare ad Euro 2020, ora ha lasciato spazio al più esperto Witsel. Ma Leander Dendoncker è un altro tassello quasi inamovibile della rosa belga. Fin da giovanissimo si era messo in mostra con i Diavoli Rossi, vista la rapida esplosione in patria con la maglia dell’Anderlecht.

Come per Trossard, la sua esplosione è avvenuta in Inghilterra: è un punto fermo del Wolverhampton oltre ad essere il prototipo del mediano moderno. Forte fisicamente, molto valido tecnicamente ed utile anche in altri ruoli, come ad esempio da difensore aggiunto. Dendoncker non è certo una scommessa, visto che il suo eventuale acquisto costerebbe almeno 30 milioni di euro.