Ibrahimovic brucia le tappe: in campo a tempo di record

Buone notizie per Zlatan Ibrahimovic. L’attaccante del Milan sembra pronto a recuperare ancora più rapidamente.

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Il ritiro estivo del Milan è iniziato con un pieno di buone notizie. Il rinnovo contrattuale di Davide Calabria, il riscatto a titolo definitivo di Sandro Tonali. Ma anche le condizioni fisico-atletiche in netto miglioramento di uno dei protagonisti certi della prossima stagione.

Zlatan Ibrahimovic sta viaggiando a larghi passi verso il pieno recupero. Il leader offensivo del Milan ha passato una primavera non troppo positiva: prima l’infortunio al ginocchio che gli ha fatto saltare gli Europei. Poi la terapia conservativa non sembrava fare effetto ed infine l’intervento chirurgico forzato.

Ma Ibra è noto anche per la sua incredibile capacità di recupero, nonostante i 39 anni compiuti. Lo svedese sta meglio e ha iniziato ieri il lavoro personalizzato a Milanello. Le parole di mister Pioli sono già confortanti: “Tra un paio di settimane Zlatan sarà pronto a lavorare sul campo”.


Leggi anche:


Ibra c’è: pronto per la prima di campionato

Si tratta dell’ennesimo record per Ibrahimovic, che già nel 2017 stupì il mondo dopo la rottura del legamento crociato del ginocchio. Sembrava la fine della sua carriera, invece Zlatan recuperò in tempi ristretti e tornò ad essere il fenomeno che è sempre stato.

Recuperare rapidamente da un intervento alla cartilagine del ginocchio è tutt’altro che semplice. Ma le capacità fisiche e atletiche dello svedese sono tutte dalla sua parte. Ibra sarà pronto molto probabilmente per la prima giornata del prossimo campionato, nel weekend del 21-22 agosto prossimi.

Il gioco del Milan ad oggi non può prescindere da Ibrahimovic. La sua presenza, seppur non sempre brillante e determinante in zona gol, rappresenta una sorta di spauracchio per ogni difensore. Non è un caso se la squadra di Pioli dopo il suo arrivo a gennaio 2020 ha inanellato una serie di risultati straordinari ed inaspettati.

Ibra verrà affiancato con ogni probabilità da Olivier Giroud. L’attaccante francese sarà pronto a dare una mano, sia come alternativa che come spalla offensiva. Starà a mister Pioli valutare come e quando utilizzare i due centravanti a sua disposizione.