Calciomercato Milan, passo indietro per un obiettivo della trequarti

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, sia i rossoneri che la Lazio di Sarri avrebbero deciso di non tentare più il colpo.

Atalanta
Atalanta (©Getty Images)

Il Milan continua a vagliare le diverse ipotesi per il mercato in entrata, soprattutto per quanto riguarda gli innesti nella zona offensiva del campo. La dirigenza rossonera ha tra le priorità quella di inserire in rosa il trequartista che andrà a sostituire Hakan Calhanoglu, accasatosi all’Inter di Simone Inzaghi. Le soluzione sono tante e l’impressione è che la decisione non verrà presa a stretto giro di posta.

I nomi caldi che circolano in questi giorni sono quelli di Isco del Real Madrid e di Luis Alberto della Lazio. Per entrambi gli spagnoli le trattative non si preannunciano comunque affatto facili. Sullo sfondo rimangono invece sempre i profili di Dusan Tadic e Hakim Ziyech. Soprattutto per quest’ultimo bisognerà aspettare le fasi finali del mercato. Nel frattempo sembra invece aver perso definitivamente quota un altro obiettivo che nei giorni passati veniva accostato costantemente al Diavolo.


Leggi anche:


Milan, frenata per Ilicic

Secondo quanto scrive la ‘Gazzetta dello Sport’, i rossoneri avrebbero infatti fatto un passo indietro per il fantasista dell’Atalanta Josip Ilicic. Su di lui erano forti Milan e Lazio, ma anche la squadra capitolina non ha portato avanti l’interesse per il 34enne. Il divorzio tra lo sloveno e la Dea è molto probabile ma al momento non ci sono offerte concrete.

Alcuni rumors, soprattutto da Bergamo, parlavano di un probabile scambio fra Atalanta e Milan, con Ilicic ai rossoneri e il giovane Pobega in nerazzurro. Le voci non hanno tuttavia, almeno per ora, trovato conferma, e la sensazione è che le mire del Diavolo stiano andando altrove. I programmi potrebbero cambiare per lo stesso Pobega. Il classe 1999, secondo le ultime indiscrezioni, potrebbe alla fine rimanere in rossonero e rappresentare il quarto elemento del centrocampo di Stefano Pioli.