Donnarumma dal Milan al PSG: gli altri calciatori passati tra i due club

Donnarumma è nuovo calciatore del PSG. Il portiere si aggiunge alla lista dei calciatori passati dal Milan al club transalpino o viceversa a parametro zero o in seguito a trattative di mercato 

Ibrahimovic PSG
Ibrahimovic con il PSG (Getty Images)

L’attesa ufficialità è arrivata mercoledì 14 luglio. Dopo un Europeo da protagonista, Gianluigi Donnarumma è il nuovo portiere del PSG. L’annuncio, come di consueto, è stato dato dal club transalpino sui social con un post in cui l’ex rossonero è stato immortalato con la maglia del PSG e il numero 2026, anno di scadenza del nuovo contratto. Un’ufficialità arrivata all’indomani del messaggio di addio al Milan pubblicato da Donnarumma, poco gradito dai tifosi rossoneri che hanno reagito rabbiosamente sui social.

Donnarumma andrà ad aggiungersi al gruppo di calciatori che si sono scambiati la maglia di Milan e PSG (o viceversa) in seguito a trattative di mercato o trasferimenti a parametro zero. Una lista che comprende anche nomi altisonanti di fuoriclasse che hanno fatto la storia dei rispettivi club.


Leggi anche 


Da Wilkins a Menez

Il primo calciatori a trasferirsi dal Milan al PSG è stato Ray Wilkins nel 1987. Nazionale inglese, arrivato al Milan dal Manchester United insieme al connazionale Hateley, Wilkins lascia i rossoneri poco dopo l’avvento di Berlusconi alla presidenza e si trasferisce al PSG nel 1987. All’epoca, il club transalpino era ben lontano dai livelli attuali. Wilkins ci rimane solo quattro mesi prima di trasferirsi ai Rangers Glasgow.

Nel maggio 1995, George Weah passa dal PSG al Milan per 11 miliardi di lire. Campione di Francia e semifinalista in Champions sconfitto proprio dai rossoneri, il liberiano vincerà il Pallone d’Oro nel 1995. Idolo assoluto dei tifosi del Milan, con i rossoneri vincerà due Scudetti con Capello e Zaccheroni in panchina. Nel gennaio 2000 passa al Chelsea dopo l’arrivo di Jose Mari. L’estate precedente, il Milan aveva acquistato Andryi Shevchenko dalla Dinamo Kiev.

George Weah e Ronaldo
George Weah e Ronaldo (©Getty Images)

Estate 1997. Il Milan riaccoglie Capello in panchina ed è protagonista sul mercato. In rossonero arrivano Kluivert, Davids, Reiziger, André Cruz, Ba, Ziege, Andreas Andersson e Leonardo, prelevato per 18 miliardi dal PSG. Al Milan, il brasiliano vince, da protagonista, lo Scudetto 1998-99 con Zaccheroni. Tornato in patria, viene riaggregato al Milan a ottobre 2002 e si ritira nel marzo successivo poco prima della conquista della Champions League.

Conclusa la carriera da calciatore, collabora con Galliani e diventa uomo di riferimento per il Milan sul mercato sudamericano. Decisivo il suo contributo per gli acquisti di Kakà e Thiago Silva. A giugno 2009 sostituisce Ancelotti in panchina e conclude il suo unico campionato da allenatore del Milan al terzo posto con la qualificazione in Champions. Nel dicembre 2010 subentra a Benitez come allenatore dell’Inter e perde lo Scudetto 2011 nel duello proprio con il Milan. Nell’estate 2018 quando Elliot subentra a Yonghong Li alla guida del club, diventa dirigente insieme a Paolo Maldini proprio dopo l’esperienza da direttore sportivo al PSG al quale ritornerà nel 2019 compiendo così un trasferimento tra i due club anche a livello dirigenziale.

I tifosi del Milan non dimenticheranno facilmente il mese di giugno 2012. Dopo lo Scudetto perso in rimonta con la prima Juventus di Conte e gli addii di Nesta, Gattuso e Inzaghi, i rossoneri cedono Ibrahimovic e Thiago Silva al PSG rispettivamente per 21 e 39 milioni di euro. I due vincono con il club parigino tutto a livello nazionale mancando però la Champions League. Thiago Silva riesce almeno ad arrivare in finale nell’edizione 2020 perdendo all’epilogo con il Bayern Monaco.

Prima di Donnarumma, due calciatori hanno compiuto il percorso inverso a parametro zero ovvero Alex e Jeremy Menez. I due hanno disputato insieme la stagione 2015-16 con Mihajlovic e Brocchi allenatori dei rossoneri e hanno lasciato il Milan insieme. Menez è passato al Bordeaux. Alex, invece, dopo il mancato superamento delle visite mediche con il Porto si è ritirato dal calcio nell’estate 2016.