Brahim Diaz: “Darò il sangue per il Milan. Numero 10? Motivazioni uniche”

Le prime parole rossonere di Brahim Diaz dopo il suo ritorno ufficiale al Milan, con la formula del prestito biennale.

Brahim Diaz
Brahim Diaz (foto AC Milan)

Finalmente nelle scorse ore Brahim Diaz è ufficialmente tornato ad essere un nuovo calciatore del Milan. Lo spagnolo ha già giocato in prestito annuale nella stagione scorsa, meritandosi anche diversi apprezzamenti dall’ambiente milanista.

Il Milan lo ha ripreso in prestito oneroso, con diritto di riscatto fissato a 22 milioni di euro da pagare entro il giugno 2023. Dunque per almeno i prossimi due anni Diaz sarà un calciatore milanista. Inoltre ha sorpreso tutti scegliendo la prestigiosa maglia numero 10.

Queste le sue prime parole ai canali ufficiali Milan dopo il ritorno: “Sono molto felice di essere di nuovo qui, in questo grande club. Sono contento di ciò che abbiamo fatto l’anno scorso, ma ora pensiamo al futuro, daremo il massimo. Questi colori meritano il 100% di impegno e io lo farò, fino all’ultima goccia di sangue”.


Leggi anche:


Diaz e il dialogo con Ancelotti: “Ha il cuore rossonero”

Sull’Europeo Under-21: “Un’importante esperienza, abbiamo fatto un buon campionato con i miei compagni. Sono contento perché sono esperienze che ti fanno crescere e ti regalano qualcosa in più. Ora spero di vivere esperienze sempre migliori”.

Sulla scelta della 10: “Sono affezionato al numero 21, ma mi è sempre piaciuto il 10. So che è un numero importantissimo nella storia del Milan, lo hanno indossato grandi giocatori. Cercherò di onorarlo, così come questi colori, so che i tifosi ci tengono tanto e io anche voglio dare il massimo. Giocherò con la 10 e ciò mi da sensazioni e motivazioni uniche”.

La stagione che verrà: “Già lo scorso anno abbiamo fatto una grande stagione, ci siamo tolti delle soddisfazioni. Ma ora dobbiamo confermarci, il club si aspetta grandi risultati e lotteremo per raggiungerli. Il merito della nostra forza è di mister Pioli, ha costruito un gruppo buono, con giocatori d’esperienza e altri giovani. Ci ha insegnato molto, la sua mano ci ha permesso di fare un’ottima stagione”.

Su Ancelotti: “Abbiamo parlato del Milan, lui ha il cuore rossonero. Abbiamo parlato molto del Milan, mi ha detto che è un club che ha una storia grande, enorme. Era contento per la mia scelta di tornare qui”.

Sui tifosi: “L’anno scorso nonostante le difficoltà ci hanno aiutato e sostenuto molto, è stato bellissimo averli al nostro fianco. Fondamentale per noi averli vicino. Il Milan ha tifosi in tutto il mondo, sono incredibili. Gli chiedo di restare vicini alla squadra e insieme faremo grandi cose”.