Dalot, l’ex allenatore: “Sta diventando un top player. La Serie A lo ha migliorato”

Il Milan continua a spingere per riportare Diogo Dalot in rossonero. Di lui ha parlato un gran bene Hélio Sousa, tecnico che lo ha allenato nelle giovanili portoghesi. L’intervista 

Diogo Dalot
Diogo Dalot (©Getty Images)

Il Milan ha un grande obiettivo in vista della prossima stagione, quello di riportare Diogo Dalot in rossonero. Un’impresa non semplice dato che il Manchester United, proprietario del cartellino del giocatore, continua a far muro. La trattativa stenta a sbloccarsi, con il Milan che ha richiesto inizialmente il prestito di Diogo ma stavolta con il diritto di riscatto: formula poco gradita ai Red Devils. Adesso, le parti continuano a dialogare, con la speranza che alla fine possano trovare la giusta quadra per il ritorno di Diogo Dalot al Milan, club nel quale si è trovato benissimo.

In attesa di novità dalla trattativa, molto interessante è l’intervista del giornale spagnolo Eldesmarque a Hélio Sousa, ex allenatore di Diogo ai tempi delle giovanili portoghesi. Oggi, Sousa è l’attuale tecnico della nazionale del Bahrein, ma ha molto chiare in mente le doti e le qualità di Dalot. L’allenatore ha speso soltanto parole positive nei confronti del classe 1999 ai microfoni di Eldesmarque.

Sousa: “Dalot è pronto per qualsiasi campionato

Di seguito i temi e le risposte di Hélio Sousa su Diogo Dalot per Eldesmarque:

Sulla crescita di Diogo: “L’evoluzione di Diogo Dalot è stata costante e molto positiva, sviluppando nuove qualità durante queste stagioni e durante le esperienze che ha fatto. Diogo ha superato ampiamente tutte le sfide della sua carriera finora. Mi sembra che la sua crescita stia andando secondo le aspettative. È sempre stato un giocatore con grande capacità offensiva, che generava squilibri nei metri finali, e negli ultimi anni è migliorato anche difensivamente: le sue capacità difensive sono migliorate molto”.

Sulle esperienze di Diogo in Serie A e agli Europei: Ha affrontato sfide difficili e ha sempre dato buone risposte, e mi sembra che quest’ultima stagione in Serie A lo abbia migliorato ancora di più in difesa. Diogo si sta evolvendo in un top player, come abbiamo visto nell’Europeo U21, con grandi partite, e anche nell’Europeo senior, una sfida che è arrivata quando non era più preso in considerazione e, in una partita molto difficile come quella contro il Belgio, ha giocato molto bene. Il suo sviluppo è stato come tutti abbiamo pensato che sarebbe stato, anche se Diogo ha ancora un sacco di progressi da fare”.


Leggi anche:


Sul futuro di Dalot: Dalot è pronto a giocare in qualsiasi campionato, come ha già dimostrato giocando per grandi club in Inghilterra e in Italia. Ha già alle spalle molti trionfi, come si può vedere dal suo palmarès nelle squadre giovanili”.

Sull’esperienza di allenarlo: “Ho avuto il privilegio di allenarlo per 4/5 anni e ha sempre avuto una grande capacità di imparare e il desiderio di migliorare costantemente. Gioca sempre al limite e si prepara molto bene. Si poteva già vedere nelle nazionali giovanili e nel settore giovanile del Porto, che aveva le qualità per giocare senza problemi sia destra che a sinistra e questo è molto importante. È un giocatore che è molto forte in attacco, ha un buon passo e può mettere buoni cross, ed è migliorato molto in difesa, soprattutto grazie all’esperienza che ha vissuto in Italia. Può essere un leader e ha un carattere competitivo”.