Sky – Lo Spezia fa sul serio per il rossonero: la risposta del Milan

Lo Spezia ieri ha provato l’assalto concreto per il calciatore del Milan, con tanto di incontro nella sede rossonera.

Casa Milan
Casa Milan (©Getty Images)

Nella giornata di ieri, nel tardo pomeriggio, a Casa Milan sono stati avvistati alcuni emissari dello Spezia calcio. In particolare il direttore dell’area tecnica Riccardo Pecini ha guidato la spedizione nella sede rossonera, con scopi legati al calciomercato.

La redazione di Sky Sport ha svelato i reali motivi dell’incontro tra Spezia e Milan a via Aldo Rossi. La società ligure ha fatto un tentativo concreto per riportare Tommaso Pobega in maglia bianconera. Il centrocampista è tornato al Milan proprio dall’anno in prestito a La Spezia.

Molto buona la stagione di Pobega al ‘Picco’: 20 presenze in campionato, 6 reti realizzate e 3 assist. Un bottino da centrocampista completo e maturo. Non è un caso se il Milan lo considera tuttora uno dei migliori talenti fuoriusciti dal proprio vivaio.


Leggi anche:


Milan, Pobega via solo a titolo definitivo

Lo Spezia dunque ha fatto un tentativo per Pobega. Il d.t. Pecini ha chiesto il rinnovo del prestito per un’altra stagione, fino al giugno 2022. Una proposta che però non sembra aver convinto il Milan, anzi, sarebbe giunta una risposta immediatamente negativa alla società spezzina.

I dirigenti rossoneri hanno fatto sapere allo Spezia che prenderanno in considerazione soltanto offerte per l’acquisto a titolo definitivo, da almeno 12 milioni di euro. Il Milan vorrebbe trattenere Pobega in rosa, ma ovviamente valuteranno proposte convenienti, anche in odor di plusvalenza.

Tommaso Pobega (© Getty Images)

Impossibile che lo Spezia possa fare un investimento del genere per riprendere il classe ’99, che piace molto anche alla Fiorentina ed all’Atalanta. Ad oggi i rossoneri dunque terranno in rosa Pobega, come quarto centrocampista e jolly non da sottovalutare.

Non è da escludere che lo Spezia abbia provato allora ad imbastire altri discorsi con il Milan, sempre sulla base del prestito. Pecini potrebbe aver chiesto informazioni su alcuni giovani talenti della Primavera rossonera, finiti sul taccuino di diverse società di A e B.