Il centrocampista non rinnova, il Milan si fa avanti: accordo con gli agenti

Novità importanti per il centrocampista che il Milan segue ormai da settimane. C’è anche un principio di accordo.

Massara, Pioli, Maldini
Massara, Pioli, Maldini (acmilan.com)

Una pista mai decaduta per rinforzare il centrocampo. Il Milan continua a monitorare il talento che gioca nella Ligue 1 francese, lo tiene d’occhio come uno degli obiettivi possibili per dare ricambio e maggiori scelte alla rosa di Stefano Pioli.

Il calciatore in questione è Boubacar Kamara, classe ’99 francese in forza all’Olympique Marsiglia. Un nome decisamente noto per le cronache di mercato rossonere, visto che il calciatore è finito nel mirino dei talent-scout milanisti da mesi.

Un mediano completo, che sa unire fisicità e tecnica di base. Ciò che servirebbe al Milan per evitare di ritrovarsi in difficoltà a metà stagione, quando Kessie e Bennacer partiranno con le rispettive nazionali per la spedizione in Coppa d’Africa.


Leggi anche:


Kamara rompe col Marsiglia: il Milan ha già un accordo

Le ultime sul futuro di Kamara arrivano direttamente dalla pagina Milanista non Evoluto e dalle indiscrezioni del collega Alessandro Jacobone. Il francese classe ’99 ha rotto ormai con il Marsiglia: rifiutata l’ennesima proposta di rinnovo contrattuale.

Kamara vedrà l’attuale accordo con l’OM scadere a giugno 2022, dunque potrà svincolarsi a costo zero. Il Milan è pronto ad inserirsi e ad ingaggiare immediatamente il giovane mediano, già tentato nelle scorse settimane. Addirittura si parla di un accordo di massima che Maldini e Massara avrebbero raggiunto con l’entourage del calciatore transalpino.

Dunque Milan in pole per Kamara con tanto di pre-accordo contrattuale (si vocifera un quinquennale), ma va ancora trovato l’ok del Marsiglia. I francesi fino a qualche tempo fa valutavano 20 milioni di euro il cartellino di Kamara, ma dopo l’ennesimo rifiuto al rinnovo dovranno abbassare le pretese. I rossoneri sono pronti a sborsare 10-12 milioni, ovvero la cifra possibilmente ricavata dalla cessione di Hauge.