Calciomercato Milan, Hauge non sarà l’ultimo addio: il punto

Non sarà Hauge l’ultimo calciatore a fare le valigie in casa Milan. I rossoneri preparano altre uscite: i prossimi dovrebbero essere Andrea Conti e Tommaso Pobega, con l’arrivo di un nuovo centrocampista

Milan
Milan (© Getty Images)

Non manca molto alla chiusura del calciomercato estivo. Il prossimo 31 agosto ci sarà lo stop alle trattative, anche per il Milan. I rossoneri sono stati certamente tra i più attivi, sia in entrata che in uscita.

Il nome caldo, in queste ore, come vi stiamo raccontando, è quello di Alessandro Florenzi, che si appresta a diventare un nuovo giocatore del Milan. Poi molto probabilmente toccherà ad un nuovo mediano e ad un trequartista.

Il calciomercato rossonero è vivo e lo dimostrano le cessione. Vendere non è mai facile, soprattutto in un periodo complicato, come quello che stiamo attraversando. Paolo Maldini e Frederic Massara sono riusciti a liberarsi di Diego Laxalt, volato in Russia, ma anche di Caldara, passato al Verona.

Oggi è arrivato l’annuncio ufficiale della cessione di Hauge, nuovo giocatore dell’Eintracht Francoforte. Il norvegese non sarà l’ultimo a fare le valigie.


Leggi anche:


Con le valigie in mano

I prossimi quasi certamente saranno Andrea Conti, non convocato nell’ultimo match amichevole contro il Real Madrid, e Tommaso Pobega. L’emergenza a centrocampo, con i rientri di Bennacer e Kessie, è terminata ma l’italiano è pronto a trasferirsi, ancora una volta in prestito, una volta arrivato il nuovo mediano. Così come ha fatto Colombo, andato alla Spal, dopo il rientro in gruppo di Giroud.

Niente Atalanta per Pobega. Attenzione così al Cagliari, oggi presente con Capozucca a Casa Milan, ma anche a Sampdoria, Genoa e Spezia. Attenzione alla pista blucerchiata e a quella sarda, inoltre, anche per Conti.

Dopo queste due partenze il mercato in uscita potrebbe davvero chiudersi anche se il Milan si augura di ricevere la giusta offerta per Samu Castillejo, che resta in uscita.

Posizione diversa per Rade Krunic, ritenuto importante da Stefano Pioli, per la sua capacità di giocare in più ruoli. Un vero e proprio jolly a cui il tecnico non vuole rinunciare.