Messias al Milan, Pellegatti: “Non credo, l’obiettivo potrebbe essere un altro”

Le rivelazioni di Carlo Pellegatti, giornalista sempre legato al Milan e spesso informato sui fatti di calciomercato.

Messias
Junior Messias (©Getty Images)

Da ieri sera è fuoriuscito un nome letteralmente imprevisto per il calciomercato Milan. La squadra di Stefano Pioli, sempre alla caccia di un trequartista di qualità per rinforzare il reparto, avrebbe a sorpresa messo gli occhi su un calciatore che milita in Serie B.

Il nome è quello del brasiliano Junior Messias. Un profilo inaspettato, visto che finora il calciatore del Crotone era stato accostato solitamente a squadre di rango inferiore. Per esempio Torino e Verona si erano messe sulle tracce del classe ’91.

Un’operazione però non confermata da Carlo Pellegatti. Nel suo consueto video-blog il noto giornalista rossonero si è sentito di smentire la veridicità di questa pista: “Su Messias non ho avuto grandi riscontri, personalmente la faccio cadere. Ad oggi non ci sono conferme e vedremo se si potrà riprendere. Ma sinceramente non credo proprio…”


Leggi anche:


Pellegatti conferma Corona: “Piace molto ai dirigenti”

Dunque l’ipotesi Messias, che di certo non faceva impazzire i tifosi del Milan per rinforzare la trequarti, dovrebbe essere soltanto una boutade di fine estate. O quanto meno una opzione dell’ultima ora, se non dovessero concretizzarsi altre situazioni in entrata.

Pellegatti conferma invece l’intenzione del Milan di tentare un’altra strada. Il giornalista ha parlato in maniera concreta dell’idea Jesus Corona, fantasista messicano del Porto che sembra invece un obiettivo nuovo e possibile: “Dal Portogallo mi dicono dell’interesse Milan per Corona. E’ un giocatore fortissimo, dà il meglio di sé sulle fasce ma mi dicono sappia fare benissimo anche tra le linee. Posso dire che piace molto ai dirigenti rossoneri”.

Una trattativa che potrebbe svilupparsi nei prossimi giorni: “Corona è il nome nuovo in questa caccia al trequartista. Attenzione a questa possibilità, è abbastanza costoso per il Porto ma è in scadenza nel 2022 e potrebbero esserci le basi per riuscire a trovare un accordo. Non sarà facile, ma posso dire che rappresenta un obiettivo plausibile. Non me l’hanno smentito“.