Spalletti frena il Milan: l’esterno è incedibile

Il Napoli e Luciano Spalletti frenano sul nascere il tentativo del Milan di chiudere per l’acquisto dell’attaccante.

Spalletti
Luciano Spalletti (Getty Images)

Continuano a fuoriuscire intriganti rumors di calciomercato in casa Milan. Oltre all’arrivo ormai solo da ufficializzare di Tiemoué Bakayoko, è quasi certo che i dirigenti rossoneri vadano a completare la rosa con un ultimissimo colpo in entrata.

Nel mirino c’è sempre una mezza punta che possa essere utile come esterno offensivo o eventualmente da trequartista puro. I nomi sul taccuino del Milan sono noti: dal francese Faivre al messicano Corona fino all’outsider Messias.

Nella giornata di ieri era spuntata nuovamente una vecchia pista per l’attacco del Milan. I rossoneri avrebbero sondato il terreno per il franco-algerino Adam Ounas, esterno offensivo in forza al Napoli, lo scorso anno titolare in prestito al Crotone.


Leggi anche:


Spalletti blinda Ounas, resterà a Napoli

Ounas è un talento già cercato in passato dal Milan, un calciatore che piace particolarmente a Frederic Massara per la sua capacità di saltare l’uomo e utilizzare bene il piede mancino. Non a caso il d.s. rossonero lo aveva cercato già ai tempi della Roma.

Il tentativo di ieri del Milan è stato però frenato e bloccato sul nascere. Il talento classe ’96 è stato blindato letteralmente da Luciano Spalletti in persona: il tecnico del Napoli punta forte su di lui, nonostante l’ampia concorrenza nell’attacco napoletano.

Adam Ounas

Dunque i rossoneri si sono visti rispedire al mittente la proposta di intavolare una trattativa per Ounas in questi ultimissimi giorni di calciomercato. Il calciatore è destinato a restare a Napoli per volontà di Spalletti e sarà pronto a giocarsi le proprie carte nella lunga stagione degli azzurri.

Il Milan resta ancora col dubbio sull’ultimo colpo estivo. Il nome del francese Romaine Faivre resta al momento il più gettonato e possibile, visto che al Brest basterebbe una proposta da 12 milioni più bonus. I dirigenti sfogliano la margherita, ma hanno tempo fino alla serata di domani.