Jorginho elogia Tonali: “Può essere il mio erede”

Il centrocampista del Chelsea e degli Azzurri ha parlato oggi in conferenza stampa alla vigilia delle gare di Qualificazione al Mondiale

Sandro Tonali
Sandro Tonali (©Getty Images)

Sandro Tonali vuole prendersi il suo Milan. E’ chiara l’intenzione del mediano rossonero, che in questo avvio di stagione ha già dimostrato di essere completamente diverso e migliore del Sandro visto nella scorsa stagione. Contro Sampdoria e Cagliari abbiamo visto un Tonali più maturo, consapevole dei propri mezzi e soprattutto grintoso. Quella grinta da giocatore vero del Milan, da tifoso dei rossoneri.

Per Sandrino questo deve essere l’anno della rinascita. Dopo le critiche nella passata stagione il gioiellino del Milan vuole dimostrare a tutti di che pasta è fatto. E se i presupposti sono quelli visti in queste prime due gare stagionali, allora ci divertiremo di sicuro. D’altronde, il primo gol su punizione di Pirlo con la maglia rossonera fu davvero molto simile a quello di Tonali.


Leggi anche:


Tonali, senti Jorginho: “Mi rivedo in Tonali”

Dal ritiro a Coverciano degli Azzurri di Roberto Mancini ha parlato Jorginho, centrocampista del Chelsea e serio candidato a vincere il Pallone d’Oro. Alla domanda su chi può essere il suo erede, l’italo-brasiliano ha risposto: “Fatemi pensare… Tonali. Adesso tutti giocano a due a centrocampo, mi rendo conto che non sia facile”.

Jorginho dunque ha percepito le difficoltà di Tonali di adattarsi ad un centrocampo diverso, lui che a Brescia era abituato a fare il mediano in una linea a tre: “I ragazzini di oggi crescono giocando praticamente solo a due a centrocampo, poi è normale fare fatica quando diventi più grande”.

Jorginho, così come Tonali, ha sempre giocato come centrocampista centrale con due mezze ali ai suoi lati. Ma Pioli, alla guida del Milan, ha sempre optato per il 4-2-3-1 e Sandro non è riuscito subito ad adattarsi alle richieste del tecnico emiliano. Adesso però sempre un giocatore diverso e pronto a diventare una pedina importante per questo Milan e per quello del futuro.