Giroud positivo al Covid: in dubbio per Lazio-Milan, le possibili soluzioni

L’attaccante rossonero prelevato dal Chelsea rischia seriamente di non scendere in campo al rientro contro la Lazio di Sarri

Olivier Giroud
Olivier Giroud (Twitter)

Di Claudio Lopraino

Oggi il Milan, tramite un comunicato ufficiale, ha fatto sapere che Olivier Giroud è risultato positivo al tampone molecolare anti Covid-19 e dovrà rimanere in isolamento. Il giocatore comunque sta bene e non presenta alcun tipo di sintomo. Il centravanti francese, come precisato dal club, non ha avuto alcun tipo di contatto col resto della squadra dopo la gara contro il Cagliari disputata a San Siro domenica sera.

Una notizia che proprio non ci voleva in questo momento. Giroud sembrava essere diventato già un calciatore imprescindibile per la squadra di Stefano Pioli, dando equilibrio ai reparti e giocando bene di sponda. Nonostante non sia più giovanissimo, “Oliviero” può sicuramente dare una grossa mano a tutti i giovani presenti nel club con la sua esperienza.


Leggi anche:


E se Giroud non riuscisse a recuperare? Ibra scalda i motori

La fortuna nella sfortuna, se si può definire così, è che in questo momento il campionato è in pausa a causa delle gare di Qualificazione al Mondiale in Qatar. Giroud non è stato convocato da Didier Deschamps, perciò è rimasto a causa dopo la vittoria contro il Cagliari.

La speranza è quella di averlo a disposizione già per il match contro la Lazio che si giocherà tra dieci giorni. Se si dovesse negativizzare in questo lasso di tempo, Olivier potrà tranquillamente scendere in campo contro i biancocelesti guidati da Maurizio Sarri. Ma se non dovesse farcela?

Zlatan Ibrahimovic osserva. Lo svedese, dopo l’operazione al ginocchio, è tornato ad allenarsi in gruppo da ieri insieme al nuovo arrivato Bakayoko. Sicuramente Ibra non ha i novanta minuti nelle gambe, e il programma di Pioli era quello di inserirlo a gara in corso concedendogli sempre più minutaggio. Potrebbe arrivare una chance anche per Pietro Pellegri, che non è stato inserito nella lista Champions. Per cui il tecnico emiliano potrà affidarsi a lui solamente in campionato.

Pietro ha tanta voglia di mettersi in mostra, così come ha detto nella conferenza di presentazione. Da capire se Giroud riuscirà ad essere presente per la Lazio, o se Pioli sarà costretto a scegliere uno tra Ibra e Pellegri dal primo minuto. Da non escludere nemmeno l’ipotesi Leao o Rebic, che hanno giocato nel ruolo di prima punta in diverse partite della scorsa stagione.