Rinnovi Milan, strategia da cambiare: oltre Kessie, ci sono altre due priorità

Il Milan con Theo Hernandez e Bennacer non può sbagliare. I rinnovi vanno fatti con le tempistiche giuste. Non si possono ripetere altri casi come quelli già visti.

Bennacer Theo Hernandez
Ismael Bennacer e Theo Hernandez (©Getty Images)

In casa Milan i rinnovi di contratto sono spesso un problema. Lo si è visto già con Gianluigi Donnarumma e Hakan Calhanoglu, andati via a parametro zero. Con la stessa modalità potrebbero partire anche Alessio Romagnoli e Franck Kessie, entrambi in scadenza a giugno 2022.

Sono stati rinnovati i contratti di Zlatan Ibrahimovic e Davide Calabria, però le trattative non sono state brevi. Visti i precedenti, al club rossonero sarebbe consigliato cercare di agire con tempistiche maggiormente anticipate rispetto a quanto visto finora. Bisogna muoversi prima per evitare di essere presi per il collo dagli agenti e allontanare le minacce di offerte estere.


Leggi anche:


Theo Hernandez e Bennacer da blindare

Oggi il quotidiano Tuttosport mette in evidenza la necessità del Milan di iniziare a trattare quanto prima i rinnovi di Theo Hernandez e Ismael Bennacer. Entrambi vanno in scadenza a giugno 2024 e interessano a più società straniere.

Il terzino francese è arrivato nell’estate 2019 dal Real Madrid per circa 22 milioni di euro e adesso il valore del suo cartellino è più che raddoppiato. Percepisce un ingaggio da 1,5 milioni netti a stagione, pertanto presto il Milan sarà chiamato a offrire un aumento date le prestazioni messe in campo da Theo Hernandez da quando è in Italia. L’agente potrebbe battere cassa a breve e la dirigenza rossonera farebbe meglio a non tardare nell’impostare una trattativa per il prolungamento contrattuale.

Stesso discorso per Bennacer, pagato circa 16 milioni due anni fa e il cui valore è cresciuto molto. Il suo stipendio è di circa 1,5 milioni netti annui più bonus e nell’attuale contratto è prevista anche una clausola di risoluzione da 50 milioni, valida solo per l’estero e da pagare in un’unica soluzione. Anche per il centrocampista algerino è consigliato muoversi con anticipo nel negoziare il rinnovo.

Pure Alexis Saelemaekers ha un contratto che scade nel giugno 2024, ma Theo Hernandez e Bennacer oggi sono prioritari. Ovviamente anche per il belga andranno intavolati dei discorsi a tempo debito. Senza dimenticare Simon Kjaer, scadenza 2022. Però sul rinnovo del difensore danese non sembrano esserci grandi dubbi.