Milan, era arrivata un’offerta per Conti: il retroscena

Ai rossoneri era stata presentata un’offerta scritta dal club turco. Alla fine il calciatore rimane agli ordini di Stefano Pioli.

Andrea Conti
Andrea Conti (©Getty Images)

Si susseguono i retroscena di mercato dopo che questo ha ormai chiuso i battenti da più di una settimana. In realtà il tempo per effettuare alcune cessioni all’esterno c’è stato fino a pochi giorni fa, dal momento che il mercato in entrata per alcuni paese come la Russia e la Turchia era ancora aperto. Il Milan, che ha operato in maniera estremamente positiva in entrata, poteva quindi piazzare qualche esubero della rosa, ormai fuori dal progetto di Stefano Pioli.

Il primo poteva essere sicuramente Samu Castillejo, protagonista di una trattativa last minute con il CSKA Mosca. Il club russo non ha però trovato l’accordo con la società rossonera, la quale chiedeva un milione per il prestito dell’esterno spagnolo. L’ex Villareal rimarrà quindi alla corte di Pioli almeno fino a gennaio, così come un altro esubero che ha avuto mercato in questi ultimi giorni, ovvero Andrea Conti.


Leggi anche:


Il Fenerbahce aveva presentato l’offerta

Il laterale classe 1994 è stato accostato nell’ultima settimana ai turchi del Fenerbahce, ma il tutto, anche in questo caso, si è chiuso con un nulla di fatto. In effetti al Milan sarebbe pervenuta anche un’offerta scritta da parte del club turco, intenzionato ad assicurarsi le prestazioni dell’esterno ex Atalanta. Dopo gli interessamenti di Genoa e Sampdoria, anche la pista estera è tramontata.

Le difficoltà per la cessione del calciatore risiedevano sia nell’alto ingaggio (2,5 milioni all’anno) che nel contratto in scadenza l’anno prossimo, il che rendeva impossibile la partenza con la formula del prestito. Anche Conti alla fine resta a Milano, anche se le possibilità che possa ritagliarsi dello spazio con il Diavolo sono davvero poche. Davanti a lui infatti, nella gerarchia dell’allenatore emiliano, ci sono Calabria, Florenzi e forse anche il giovane Kalulu.