Milan, in attacco solo Giroud indisponibile: tutte le opzioni possibili

Un solo indisponibile in vista di Milan-Lazio per l’attacco rossonero. Pioli ha comunque tante possibili scelte.

Giroud
Olivier Giroud (©Getty Images)

Il Milan affronterà la sfida di questa sera contro la Lazio con la squadra quasi al completo. Poco fa Stefano Pioli ha ufficializzato l’elenco dei convocati per il big match delle ore 18:00. Mancheranno soltanto tre elementi della squadra titolare.

Si tratta dell’acciaccato Rade Krunic, del neo-acquisto Junior Messias ancora non pronto a livello atletico, ma anche di Olivier Giroud. Il francese è tornato negativo dopo il contagio al Covid-19, ma non potrà essere schierato quest’oggi perché si è allenato soltanto in solitaria, senza aderire alla squadra.

Giroud dunque è l’unica mancanza per l’attacco rossonero. Il classe ’86 è già entrato perfettamente negli schemi di Pioli, ma il tecnico può stare tranquillo: in vista di questa sera e per le prossime partite avrà ampia scelta nel reparto offensivo.


Leggi anche:


Da Ibra a Pellegri, tutte le soluzioni per l’attacco di Pioli

Nel 4-2-3-1 di base del Milan, il ruolo di prima punta può essere ricoperto da vari tipi di giocatori. O un centravanti classico, come lo stesso Giroud, oppure un calciatore più di movimento che possa aprire gli spazi agli inserimenti dei compagni.

Il titolare predefinito, se la condizione atletica è dalla sua parte, resta sempre Zlatan Ibrahimovic. Nonostante le noie muscolari e i quasi 40 anni di età, il Milan non può prescindere dal classe ’81 che è in pole per giocare contro la Lazio fin dall’inizio come unica punta.

Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (acmilan.com)

L’alternativa è Ante Rebic. Non è da escludere che Pioli schieri il calciatore croato, che sa esprimersi bene anche come esterno mancino. Una staffetta con Ibra sembra essere già stata programmata: dal numero 12 rossonero ci si aspetta movimento, dinamismo e qualità.

Oppure Rafael Leao. In molti pensano che il portoghese, schierato spesso largo a sinistra, sappia esprimersi meglio da prima punta atipica. Rapido, a caccia della profondità, anche Leao è un’arma in più per Pioli se dovesse esserci un’esigenza offensiva.

Infine Pietro Pellegri, una sorta di ‘ultima ruota del carro’ in attacco. Ma se il Milan lo ha prelevato dal Monaco ci sarà un motivo certo. Oggi prima convocazione per il classe 2001, che ha già segnato alla Lazio in passato. Anche il ragazzo genovese, con la sua stazza e qualità, può diventare un’opzione intrigante.