Pellegri contro la Lazio: doppietta e record storico nel 2017

Pietro Pellegri ha un feeling particolare con la Lazio: i biancocelesti sono l’ultima vittima italiana del giovane bomber.

pellegri
Pietro Pellegri (acmilan.com)

La prima convocazione con la maglia del Milan è stata ufficializzata poco fa. Pietro Pellegri stasera siederà in panchina nel match contro la Lazio, con la speranza anche di poter essere utile a gara in corso e debuttare con la maglia rossonera.

C’è curiosità per il classe 2001, un attaccante che fino a qualche anno fa sembrava destinato ad una carriera luminosa, da bomber di razza e precoce. Ma gli infortuni continui e fastidiosi, oltre ad alcune scelte personali infelici, ne hanno frenato la crescita.

Oggi Pellegri inizierà la scalata verso una personale ripartenza. Proprio magari contro la Lazio, squadra contro la quale ha segnato la sua prima e unica doppietta in Serie A da giovanissimo, quando ancora indossava la maglia del Genoa.


Leggi anche:


17 settembre 2017: doppietta storica alla Lazio

La Lazio evoca dunque un ottimo ricordo a Pellegri, che finora nel campionato italiano ha segnato soltanto 3 reti ufficiali. Due delle quali nella stessa sera proprio contro i biancocelesti, una notte che sembrava poter lanciare definitivamente il talento del ragazzo genovese.

Era il 17 settembre 2017. Pellegri qualche mese prima aveva sorpreso tutta Italia segnando all’Olimpico contro la Roma la sua prima rete in Serie A, nel giorno dell’addio al calcio di Francesco Totti. Per tutta l’estate si parlò di lui come di un predestinato, richiesto dai top-club italiani ed esteri.

La conferma delle sue qualità arrivò nel posticipo della quarta giornata. La Lazio di Inzaghi si presenta in casa del Genoa e passa subito avanti con Bastos. Nella ripresa il tecnico Juric butta nella mischia il baby Pellegri sperando nella sua verve offensiva. E verrà subito ripagato.

Già ad inizio secondo tempo il classe 2001 trova una rete caparbia e fortunosa in girata, mettendo il risultato in parità. La Lazio però domina e si riporta avanti con Immobile, ma ancora Pellegri risponde al suo rivale più esperto con un gol splendido: cross dalla sinistra e spaccata da bomber puro a battere Strakosha. Doppietta e parità, anche se nel finale ancora Immobile decreterà il successo laziale.

Il Genoa perde 2-3 ma trova un Pellegri in grande spolvero, che però non riuscirà a bissare più quelle prodezze fino al trasferimento al Monaco. Ma fu una serata storica per il talento di Pegli: divenne il calciatore più giovane a segnare una doppietta in Serie A, superando il record del leggendario Silvio Piola dopo 86 anni.