Ibra ancora out: 2021 complicato per lo svedese

Un anno davvero complicato per Zlatan Ibrahimovic. Sono stati diversi gli infortuni che hanno fermato l’attaccante svedese

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (© Getty Images)

L’uomo più atteso della vigilia sarà il grande assente. La prima partita di Champions League era il vero obiettivo di Zlatan Ibrahimovic, dopo l’intervento al ginocchio sinistro dello scorso giugno. Niente da fare, un guaio al tendine d’Achille della gamba sinistra lo ha fermato nuovamente.

Contro la Lazio gli erano bastati sei minuti per tornare a gioire sotto la Curva Sud ma è stato proprio il terreno di gioco di San Siro a tradirlo. Ieri – come testimoniano le immagini di MilanLive.it – ha iniziato a lavorare con il gruppo, augurandosi che il dolore passasse ma non è stato così. La stagione è lunga, meglio dunque non rischiare e sperare che il fastidio sparisca: domenica si torna sul campo dove c’è stato il suo ultimo stop. C’è una Juventus da battere per mandarla a meno undici dopo solo quattro partite. Siamo certi che Ibrahimovic farà di tutto per esserci. La caccia al gol più anziano in Champion è dunque solo rinviato.


Leggi anche:


Tutti gli stop

La Gazzetta dello Sport, in edicola stamani, ripercorre il 2021 davvero complicato di Zlatan Ibrahimovic. Il calvario dello svedese è cominciato a dicembre del 2020: salta ben 4 partite, per un problema al soleo, rientra così il 9 gennaio per Milan-Torino.

Contro la Roma, il 28 febbraio, a fermarlo è l’adduttore sinistro, salta così altre 5 gare. Ad aprile è ancora il polpaccio sinistro, un affaticamento accusato nella seconda metà del mese, che lo porterà a non giocare altri tre match.

Arriviamo così al 9 maggio, al ko di Torino. Lo stop per il ginocchio sinistro dopo poco più di un’ora di gioca. Stagione finita, cinque gare saltate (anche le prime due della nuova stagione) ed operazione a giugno. Le partite saltate da Ibrahimovic sono così ben 18 con quella di domani.