Pioli: “Volevamo iniziare con un risultato positivo. La squadra può crescere ancora”

Le parole del tecnico dei rossoneri intervistato a Sky Sport al termine della gara d’esordio in Champions League del suo Milan.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Gettyimages)

Al termine della sfida fra Liverpool e Milan, conclusasi con la vittoria dei Reds per 3-2, l’allenatore dei rossoneri Stefano Pioli è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per commentare il match. Queste le sue parole:

Arrabbiato per la sconfitta?

“Sicuramente sì, chiaro che il risultato è determinante. Bisogna dar merito al Liverpool che ha già una partita di intensità superiore alla nostra soprattutto nei primi 25 minuti. Dopo siamo usciti bene ma dobbiamo rimpiangere i due gol subiti nel secondo tempo dovuti alla qualità dell’avversario ma anche a errori nostri”.

Approccio con troppa carica?

“No, la squadra era motivata. Ci aspettavamo una partenza forte dei nostri avversari Siamo stati troppo statici e non riuscivamo ad uscire dalla pressione. L’ambiente la qualità degli avversari ci hanno messo in difficoltà. Dopo abbiam fatto meglio”.

Dialoghi con Maldini e Klopp a fine partita?

“Con Maldini parliamo sempre della prestazione collettiva e dei singoli. Poi Klopp è arrivato sorridente per la vittoria e ha detto che è stata una bella partita. Peccato per il risultato perchè sarebbe stato importante iniziare il girone con un risultato positivo”.

Con che stato d’animo va via?

“Vado via con la consapevolezza che la squadra può crescere ancora. Il livello della Champions è davvero alto. Hanno fatto la differenza i particolari”.


Leggi anche:


Trasmissione della palla lenta?

“Noi avevamo preparato qualche posizione per imbucare ma la loro stati bravi nella pressione e attenti. Abbiamo attaccato bene la profondità a volte ma i tempi non erano giusti. Ci voleva un po’ più di movimento per torvare più traiettorie di passaggio ma la loro pressione ci ha dato fastidio”.

Errori a inizio secondo tempo?

“Aldilà della forza del Liverpool, dobbiamo migliorare nelle occasioni dei gol subiti. Abbiamo lasciato dei passaggi dove noi di solito facciamo molto meglio”.

In alcuni momenti sarebbe stato meglio un lancio lungo?

“In alcune occasioni ci abbiamo provato ma non avevamo un attaccante per tenerla”.