Gazzetta – La moviola di Milan-Venezia: manca un giallo a Tonali

La Gazzetta dello Sport ha analizzato gli episodi da moviola avvenuti ieri sera durante Milan-Venezia. Secondo la rosea manca un cartellino giallo a Sandro Tonali 

Ivano Pezzuto
Ivano Pezzuto (©Getty Images)

Una bella vittoria quella conquistata dal Milan ieri a San Siro. Contro un Venezia chiuso e attento nel primo tempo, sono state necessarie le entrate in campo di Theo Hernandez e Saelemaekers per risolvere la gara. Il Milan, se non riesce, cerca di trovare sempre le soluzioni più adatte alla situazione.

In generale, la gara non è stata segnata da particolari episodi arbitrali. Nella sua edizione odierna, la Gazzetta dello Sport ha fatto un’attenta analisi delle azioni da moviola verificatisi durante la gara di ieri sera tra Milan e Venezia. Sono in particolare due le occasioni in cui l’arbitro in campo, Ivano Pezzuto ha mostrato un pò di disattenzione. In generale, la prova di giudice di gara leccese è stata sufficiente e con un metro coerente.


Leggi anche:


Ma secondo la rosea, manca in particolare un cartellino giallo al rossonero Sandro Tonali. Al 64’, Pezzuto ha risparmiato l’ammonizione al mediano, che ha simulato un fallo nell’area avversaria. Sandro cercava il rigore? Difficile da confermare, ma è stato evidente che abbia cercato il contatto con le gambe del difensore ospite. Per Tonali, un semplice richiamo.

Il secondo episodio da moviola riguarda invece un calcio d’angolo non concesso ai veneziani. Al 72’ è di Alexis Saelemaekers l’ultimo tocco sull’offensiva di Molinaro. Ma né l’arbitro, né il guardalinee se ne accorgono.