Pioli: “L’arbitro non è stato il migliore. Dobbiamo ancora crescere”

Le parole dell’allenatore dei rossoneri al termine del match contro l’Atletico, perso soltanto nel finale con il rigore di Suarez al 96′.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Getty Images)

Stefano Pioli ha parlato a Mediaset e Sky nel post partita di Milan-Atletico Madrid. Il tecnico è soddisfatto dei suoi ma è convinto che con un pizzico di attenzione in più la si sarebbe potuta portare a casa. Ecco le sue parole a fine gara:

Sulla partita

“Penso che ci stiamo anche se questo risultato complica la classifica. Ci manca ancora quel tassello: abbiamo concretizzato meno di quanto abbiamo creato. Aldilà dell’espulsione ci mancava poco: serve stare nelle partite con intelligenza e lucidità . Siamo competitivi ma il livello è altissimo e dobbiamo stare nella partita per 90 minuti. Abbiamo giocato un gran calcio per mezz’ora ed è un peccato per la serata e i miei giocatori che hanno dato tutto. In parità numerica abbiamo giocato meglio ma va fatto uno sforzo ulteriore. La prestazione deve darci fiducia, abbiamo giocato meglio di un grande avversario ma bisogna crescere”.


Leggi anche:


Sugli episodi

“Tante situazioni, non solo l’espulsione e il rigore. A metà e metà andava sempre dall’altra parte, ma guardiamo alle cose buone che abbiamo fatto undici contro undici. Con un po’ di attenzione in più potevamo portare a casa la vittoria, soffrendo e stringendo i denti”.

Sulle decisioni dell’arbitro

“Difficile, forse Kalulu è stato poco coordinato. Kessie non mi è sembrato un intervento da doppio giallo, l’inferiorità numerica ci ha costretti a fare un altro tipo di partita. Diciamo che stasera l’arbitro non è stato il migliore in campo”.