Milan, prestazioni negative: “E’ colpa del covid”

Tutta colpa del Covid. La condizione precaria di Giroud, che non riesce a dare il proprio apporto alla squadra, è dovuta all’assenza dai campi per via del virus

Stefano Pioli
Stefano Pioli (© Getty Images)

Olivier Giroud, tornato in campo contro lo Spezia dopo il problema alla schiena, non è riuscito a dare l’apporto sperato né contro i liguri né contro l’Atletico Madrid, in Champions League.

E’ evidente che la condizione del francese è deficitaria dopo lo stop per il Covid, che lo ha portato lontano dai campi per una decina di giorni. Giroud è apparso il lontano parente di quello ammirato nelle prime due partite di campionato, contro Sampdoria e Cagliari. Servirà recuperare la forma perduta, durante la pausa per le Nazionali.

Il calciatore difficilmente verrà chiamato da Deschamps e avrà così modo di tornare in forma per giocare a pieno regime le partite di fine anno.


Leggi anche:


Il parere di Pellegatti

Carlo Pellegatti, intervenuto sul proprio canale YouTube, non ha dubbi sul fatto che dietro il rendimento non proprio positivo di Giroud ci sia, come detto il covid: “La logica era, rientra e gioca 30 minuti con lo Spezia e poi titolare con l’Atletico Madrid – esordisce il giornalista -. Poi vedendo gli allenamenti, che non sono intensi come la partita, Pioli ha cambiato idea, perché non lo ha visto al massimo. Si pensava che mezzora reggesse e invece… Signori è il Covid.

Ricordate quanto ci ha messo Tonali a tornare in condizione? O Bennacer, quanti travagli e tribolazione – sottolinea Pellegatti -, speriamo che Giroud recuperi più in fretta. Giroud non sta bene, non è in condizione. Con lo Spezia aveva un po’ mascherato questa condizione e ci ha illusi. Ha illuso pure Pioli ma il giocatore non sembra reggersi fisicamente e contro l’Atalanta vedremo… E’ evidente che abbia risentito del Covid, nonostante sia stato asintomatico”.

Recuperi“Messias probabilmente giocherà un cambio a Brahim Diaz, che ci sarà, o per Saelemaekers. Ci sarà anche Kjaer”