Ibrahimovic, niente ritiro: ha un doppio obiettivo

Tanti infortuni potrebbero far pensare a un ritiro di Ibrahimovic, il quale però ha altri obiettivi da raggiungere prima di dire stop alla sua carriera.

Ibrahimovic Zlatan
Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan (©Getty Images)

Zlatan Ibrahimovic si appresta a compiere 40 anni e purtroppo non potrà festeggiare il compleanno con un gol. Infatti, a causa di problemi fisici, non sarà convocato per Atalanta-Milan di domani sera.

In questa stagione il centravanti svedese ha collezionato una sola presenza, nella vittoria contro la Lazio. In mezzora riuscì a realizzare il gol che chiuse di fatto la partita. Aveva appena recuperato completamente da un infortunio al ginocchio sinistro rimediato a inizio maggio, con tanto di operazione successiva, e subito dopo ha accusato un problema al tendine d’Achille che lo sta tenendo nuovamente fuori. Veramente molto sfortunato. Dovremmo rivederlo in campo dopo la sosta.


Leggi anche:


Ibrahimovic vuole il rinnovo con il Milan

I tanti infortuni fanno pensare che Ibrahimovic possa decidere di ritirarsi al termine di questa stagione. Se il trend non dovesse migliorare, è normale immaginare uno scenario del genere. A 40 anni e avendo alle spalle una super carriera, ci starebbe dire basta se i problemi fisici continuassero ad essere frequenti.

Tuttavia, il Corriere della Sera spiega che Zlatan punta a essere protagonista in Champions League e a partecipare al Mondiale di Qatar 2022. Quest’ultima competizione si disputerà a novembre-dicembre del prossimo anno, quando lui avrà spento già 41 candeline. Vuole esserci con la sua Svezia.

Ibra ha come obiettivo conquistarsi il rinnovo di contratto con il Milan. Il club rossonero prova grande riconoscenza nei suoi confronti, ma sarà importante vedere quali saranno le condizioni fisiche del bomber svedese nei prossimi mesi prima di valutare un eventuale prolungamento contrattuale. Una cosa è certa: quando deciderà di smettere con il calcio giocato, per lui sarà pronto un futuro da dirigente.