Milan, non solo Kessie: incontro a breve per un altro rinnovo

Non solo Kessie, a breve il Milan avrà un altro importante incontro per discutere di un rinnovo di contratto.

Paolo Maldini e Frederic Massara stanno svolgendo un ottimo lavoro nel club rossonero, ma il tema rinnovi sta creando alcuni problemi nelle ultime stagioni. Trattenere certi calciatori sta risultando più difficile del previsto.

Romagnoli Kjaer Kessie
Alessio Romagnoli, Simon Kjaer e Franck Kessie (©Getty Images)

Il Milan ha già perso Gianluigi Donnarumma e Hakan Calhanoglu a parametro zero, adesso rischia di perdere altri giocatori con la stessa modalità. Com’è noto, Franck Kessie e Alessio Romagnoli hanno dei contratti in scadenza a giugno 2022. E sono note anche le difficoltà a rinnovare.

La trattativa con l’agente del centrocampista ivoriano va avanti da oltre un anno e l’accordo rimane lontano. George Atangana continua a chiedere circa 8 milioni di euro annui, contro l’offerta da 6-6,5 avanzata dalla società rossonera. Sullo sfondo ci sono Paris Saint-Germain e Liverpool, pronti ad accontentare la richiesta del procuratore. Sarà molto complicato blindare l’ex Atalanta, nonostante lui stesso si dicesse deciso a rimanere a fine luglio.


Leggi anche:


News Milan, summit con Romagnoli per il rinnovo?

Secondo quanto spiegato da La Gazzetta dello Sport, è alle porte un incontro con Romagnoli per capire se ci sia la possibilità di rinnovare il contratto. Finora il capitano del Milan si è sempre comportato in maniera professionale, non facendosi condizionare dalla sua situazione contrattuale. Le sue intenzioni per il futuro non sono chiare e la dirigenza vorrebbe un confronto per capirle.

Sicuramente va detto che, in ogni caso, prolungare il contratto di Romagnoli sarà complicato. Percepisce già uno stipendio molto alto (circa 5 milioni di euro netti a stagione) e la società rossonera sicuramente gli proporrebbe una cifra più bassa di quella attuale. Inoltre, bisogna considerare i rapporti non eccezionali con l’agente Mino Raiola. Le sue ultime uscite riguardanti l’addio di Donnarumma hanno infastidito il Milan e ciò rende ancora più complicato fare trattative con lui.