Milan-Verona, Calabria riposa: le corsie laterali “parlano” francese

Davide Calabria ha quasi recuperato dall’infortunio procuratori in Nazionale. Ma dovrebbe riposare domani sera.

E’ l’ora delle scelte per Stefano Pioli, che da ieri a Milanello ha ritrovato i diversi elementi rientrati dagli impegni delle rispettive Nazionali. Uno di questi, Davide Calabria, aveva già fatto il proprio ritorno anzitempo dal ritiro di Coverciano.

Pioli e Calabria
Pioli e Calabria (Getty Images)

Un lieve affaticamento muscolare ha colpito Calabria prima del match di Nations League contro il Belgio. Per questo motivo è stato rispedito a Milano per eventuali controlli. Fortunatamente il terzino del Milan non ha riportato lesioni e già ieri si è allenato parzialmente in gruppo.

Ma, secondo la Gazzetta dello Sport, difficilmente domani Calabria sarà in campo contro il Verona. L’intenzione di Pioli è di preservarlo per Porto-Milan di martedì in Champions League. Le scelte in difesa per la sfida di domani sera a San Siro parleranno invece francese.


Leggi anche:


Pioli punta sul duo Kalulu-Ballo Touré

Dunque scelte inedite dal 1′ minuto per Milan-Verona di domani, obbligate anche dai tanti problemi fisici delle ultime settimane. Oltre a Calabria, mister Pioli farà a meno di Theo Hernandez frenato dal Covid-19 e di Alessandro Florenzi che è out già da qualche settimana.

Come detto dunque le fasce difensive del Milan saranno made in Francia. Sulla corsia destra spazio a Pierre Kalulu, un giovane talento che è ormai una certezza per i rossoneri. Il classe 2000 quest’anno ha già mostrato affidabilità e qualità, soprattutto con l’assist decisivo a Daniel Maldini contro lo Spezia.

Pochi dubbi dunque sull’apporto del ventunenne ex Lione. Più curiosità sulla fascia sinistra, dove debutterà dall’inizio Fode Ballo-Touré, laterale acquistato per 4,2 milioni di euro in estate dal Monaco. Un terzino di cui si parla bene, ma che deve ancora dimostrare tanto.

Chi lo conosce bene indica Ballo-Touré come il sostituto ideale di Theo, per caratteristiche atletiche simili. Entrambi sono inarrestabili in progressione, anche se le qualità tecniche del 19 rossonero sono ampiamente già riconosciute. Chance importante dunque domani per il francese, che dovrà vedersela contro il rognoso Faraoni, capitano dell’Hellas che non è secondo a nessuno per corsa e continuità.