Asse Milan-Real Madrid: doppio affare, Maldini ha deciso!

Il Milan interessato a due calciatori ormai in uscita dal Real. Ma Paolo Maldini ha già dato la risposta agli spagnoli.

Nonostante il Milan continui con il suo cammino quasi perfetto in Serie A, è probabile che la squadra di Stefano Pioli possa ancora rinforzarsi in vista del mercato di gennaio.

Maldini
Paolo Maldini (©LaPresse)

Molto dipenderà dalle occasioni che si presenteranno durante la sessione invernale. C’è chi è sicuro che i dirigenti del Milan vogliano regalare un paio di rinforzi a mister Stefano Pioli nel reparto offensivo, principalmente sulla trequarti di campo.

In tal senso da giorni si parla di un asse molto caldo tra Milan e Real Madrid. I rossoneri potrebbero attingere alla squadra di Carlo Ancelotti, che vanta diversi calciatori di spessore che potrebbero cambiare aria per il poco spazio finora concesso.


Leggi anche:


Milan, proposti Isco e Jovic: ma non interessano più

Secondo le ultime informazioni in arrivo da Madrid, sarebbero due i calciatori che il Real starebbe proponendo al Milan come possibili aggiunte alla sua rosa da gennaio in poi. Il primo è il fantasista Isco Alcoròn, classe ’92 che è anche in scadenza di contratto a giugno 2022.

isco
Isco (©LaPresse)

L’altro è un attaccante, cercato in realtà tempo addietro dal Milan. Il serbo Luka Jovic, centravanti che a Madrid non ha mai trovato né continuità né guizzi decisivi. Una doppia proposta sulla quale però Paolo Maldini avrebbe già riflettuto: il Milan si sarebbe detto non così interessato ad entrambe le piste.

Isco è giudicato un innesto di lusso, ma troppo costoso per le casse rossonere. Andare a mettere sotto contratto un quasi 30enne a sei mesi dalla naturale scadenza di contratto non è una mossa in linea con le aspettative milaniste, soprattutto per i circa 7,5 milioni netti di stipendio che Isco percepisce attualmente.

Anche la pista Jovic è fredda. Maldini sa che sul serbo vi sono anche altri club, come Juventus, Liverpool e Fiorentina. Il Milan non vuole partecipare ad aste per l’ex Eintracht, visto che al momento non c’è esigenza assoluta di rimpolpare il reparto dei centravanti.