Faivre-Brest, atto secondo: il francese ci ricasca

Romain Faivre rischia di far arrabbiare ancora una volta il Brest. Dalla Francia giungono notizie in merito all’ultima intervista rilasciata a ‘La Gazzetta dello Sport’

“Quando ti chiama Maldini, una leggenda, ti senti valorizzato e hai voglia di far di tutto per andare al Milan”, parlava così stamani, Romain Faivre, in un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

Romain Faivre
Romain Faivre (Twitter)

Il trequartista francese è tornato, con una lunga intervista, a strizzare l’occhio al club rossonero, che in estate aveva provato a prenderlo.

Come raccontato più volte, le parti non erano distanti e tutto lasciava pensare che un accordo sarebbe stato trovato ma così non è stato, con il Brest, che ha deciso di far muro. Il club francese si era infastidito parecchio per il comportamento del suo calciatore, che aveva rifiutato di mettersi a disposizione del suo tecnico, in vista di un possibile approdo in rossonero, .

Il Brest non ha così abbassato le proprie richieste. Il caso, poi, è rientrato e Faivre è tornato a dare una mano alla squadra. In dodici partite di Ligue 1 sono stati così 4 i gol fatti, come gli assist.


Leggi anche:


Sorpresa francese

Le dichiarazioni di oggi hanno spinto in molti a pensare che l’approdo di Faivre possa concretizzarsi a gennaio ma dalla Francia arrivano novità, che se confermate, avrebbero del clamoroso, e potrebbero complicare, ancora una volta, tutto. Secondo quanto riportato da ‘Brest On Air’, Faivre non avrebbe chiesto l’autorizzazione al proprio club per rilasciare l’intervista.