Milan, ci siamo: Pioli verso il rinnovo, cifre e dettagli del nuovo contratto

È quasi tutto fatto per il rinnovo di Pioli con il Milan: la firma non è in discussione.

Il club rossonero e Stefano Pioli vogliono andare avanti insieme. Le parti sono soddisfatte del lavoro svolto, dei risultati ottenuti e dei rapporti che si sono creati. Il prolungamento del contratto è una normale conseguenza ormai.

Pioli Maldini Paolo
Stefano Pioli e Paolo Maldini (©LaPresse)

L’allenatore emiliano durante l’evento di ieri in cui ha ricevuto il Premio Liedholm 2021 ha confermato che rinnoverà con il Milan: «C’è piena sintonia con il club, una sinergia perfetta per fare un grande lavoro, condividendo le stesse ambizioni e motivazioni. C’è la volontà comune di proseguire insieme. Il Milan è dentro di me, mi dà emozioni, in realtà succede fin dal primo giorno a Milanello». Le sue parole sono chiare.


Leggi anche:


Pioli, i dettagli sul nuovo contratto

Oggi La Gazzetta dello Sport spiega che il rinnovo di Pioli si farà sicuramente prima di Natale. Paolo Maldini e Frederic Massara stanno già dialogando con Gabriele Giuffrida, agente che rappresenta l’allenatore parmigiano. Il prolungamento contrattuale dovrebbe essere biennale (scadenza 2024) e prevedere uno stipendio da 3 milioni di euro netti annui più consistenti bonus. Non è escluso un triennale, ma neppure un accordo solo fino al 2023 con un ingaggio da 4 milioni netti a stagione.

Il Corriere della Sera conferma che le parti sono ormai ai dettagli e il nuovo contratto sarà sicuramente fino al 2024 e prevedrà anche un’opzione per prolungare fino al 2025. Lo stipendio dovrebbe essere tra i 3,5 e i 4 milioni annui (bonus compresi).

Si aspetta il rientro di Ivan Gazidis da New York per mettere tutto nero su bianco. Probabilmente già entro fine novembre ci saranno le firme. Ormai la strada è tracciata.

Da ricordare che il Milan avrebbe la possibilità di esercitare un’opzione presente nell’attuale contratto di Pioli per rinnovare fino al 2023 allo stesso ingaggio odierno (2 milioni più 500 mila euro di bonus qualificazione Champions). Tuttavia, la dirigenza ha preferito avviare una trattativa per negoziare a condizioni diverse, più gratificanti nei confronti del tecnico.