Pioli-Lab, il metodo futuristico per riportare in alto il Milan

Ecco nel dettaglio i programmi ed i metodi utilizzati da Pioli e dal suo nutrito staff per rilanciare il Milan negli ultimi anni.

Qual è il reale motivo della crescita esponenziale del Milan negli ultimi due anni? Impossibile dare una singola risposta, ma si potrebbe sintetizzare il tutto con una parola: futuro.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©LaPresse)

Il club rossonero guarda avanti, per scelte societarie, dirigenziali e soprattutto nell’ambito del lavoro quotidiano. Il Milan è sempre stato all’avanguardia a livello strutturale, ma sotto la guida di Stefano Pioli sono stati fatti passi in avanti ancor più interessanti.

Oggi la Gazzetta dello Sport per l’appunto svela i segreti del metodo Pioli. Un lavoro studiato a tavolino e senza improvvisazioni, che sta dando i suoi frutti: massimo impegno e rispetto delle regole = massima resa in campo.


Leggi anche:


Stop ai ritiri, pilates e diete meno ferree: vince la linea Pioli

Innanzitutto va detto che il Milan lavora quotidianamente alla grande grazie ad uno staff nutrito. Basti pensare che dietro le quinte vi sono una trentina di professionisti, tutti funzionali alla gestione del metodo.

Pioli si è circondato di collaboratori storici, come il vice Giacomo Murelli o suo figlio Gianmarco che fa il match-analysist. Ma anche di figure tradizionali a Milanello: due ex rossoneri come Dida e Bonera, ma anche il preparatore dei portieri Ragno o il prof. Mazzoni, uno degli storici rappresentanti del Milan-Lab.

Tra le innovazioni introdotte da Pioli c’è l’assenza dei ritiri forzati pre-partita, a meno che il Milan non scenda in campo alle ore 12.30 o alle 15 della domenica. Il mister ha scelto di donare il massimo della privacy ai suoi ragazzi quando sono a Milanello, spostando la sua stanza personale a parecchi metri dai dormitori della squadra.

Importantissimi i pasti prima e dopo le partite. Tutte diete adattate agli impegni dei calciatori ma conformate anche in base ai loro gusti: si va dalla classica pasta a cibi di nuova ispirazione, come hamburger di qualità, riso al curry e muffin. Come ‘premio partita’ spesso i cuochi di Milanello non fanno mancare nemmeno la pizza.

Altri elementi fondamentali riguardano le gestioni muscolari. Lo staff atletico ha imposto sedute anche casalinghe di stretching, in particolare di pilates, disciplina che va per la maggiore a tutte le età. Molto spazio dedicato alle analisi del match appena giocato: la sessione-video è diventato un ‘must’ per moltissimi allenatori, per Pioli in primis.