Irlanda del Nord – Italia, Highlights: la sintesi del match – Video

Irlanda del Nord-Italia, la cronaca e gli highlights del match decisivo per la qualificazione ai Mondiali 2022, disputato a Belfast, lunedì 15 novembre 2021

Atmosfera da brivido a Belfast per l’Italia attesa dall’Irlanda del Nord, nell’ultimo e decisivo match del Girone C di Qualificazione ai Mondiali 2022. Mancini schiera Tonali titolare a centrocampo con il tridente “leggero” formato da Chiesa, Berardi e Insigne.

Irlanda del Nord - Italia
Irlanda del Nord – Italia (La Presse)

E’ l’Italia come prevedibile a fare la partita nel primo tempo. La prima occasione per gli azzurri arriva all’8′ con la pregevole imbeccata di Insigne per Di Lorenzo, il cui tiro cross viene deviato in angolo da Peacock-Farrel. I padroni di casa tentano qualche ripartenza ma senza mai impensierire la retroguardia azzurra.Nonostante il predominio territoriale anche l’Italia non crea molto. Al 32’ci prova Chiesa ma la conclusione è troppo centrale. Segue un altro quarto d’ora di schermaglie ma il risultato non cambio. Al 45′, squadre al riposo sullo 0-0.


Leggi anche


Irlanda del Nord-Italia, il secondo tempo

La prima parte del secondo tempo è drammatica per gli azzurri. Al 49′, grande occasione per gli irlandesi con Saville che conclude troppo centralmente su Donnarumma da posizione favorevolissima. Mentre gli attacchi dell’Italia proseguono con scarsa efficacia, da Lucerna arrivano brutte notizie con la Svizzera avanti per 3-0 al 74′ contro la Bulgaria, punteggio che impone all’Italia di segnare almeno due gol nell’ultimo quarto d’ora, un’impresa difficilissima.

PER IL VIDEO CON GLI HIGHLIGHTS DI IRLANDA-ITALIA | CLICCA QUI

Mancini tenta il tutto per tutto e fa entrare Bernardeschi, Locatelli, Scamacca dopo Belotti al posto di Insigne, Barella, Jorginho e Emerson ma non c’è nulla da fare. Non è serata per l’Italia che non crea nulla, pareggia 0-0 e chiude seconda nel girone a due punti dalla Svizzera che va ai Mondiali con il 4-0 alla Bulgaria. Gli azzurri, campioni d’Europa, proveranno a guadagnarsi la qualificazione agli spareggi di fine marzo con il nuovo format dei tre “gironi” da quattro con due partite secche e il playoff finale tra le due vincitrici.