Milan, non solo Pobega: il Torino ne vuole un altro | Possibile scambio?

Il Torino ha messo nel mirino un altro giocatore del Milan, dopo aver preso già Pobega in prestito.

Una delle operazioni più riuscite del club rossonero nell’ultimo calciomercato estivo è senza dubbio la cessione in prestito secco di Tommaso Pobega. Con tale formula non c’è rischio di perdere il controllo del cartellino e il giocatore rientrerà a fine stagione a Milanello.

Pobega Tommaso
Tommaso Pobega (©LaPresse)

Il centrocampista triestino sta trovando spazio nel Torino, dove ha trovato in Ivan Juric un allenatore bravo a valorizzare le sue qualità. Si sta abituando a giocare da interno della mediana, cosa molto utile nell’ottica di un eventuale futuro impiego nel 4-2-3-1 di Stefano Pioli al Milan.


Leggi anche:


Calciomercato Milan, il Torino punta anche Krunic

Rade Krunic
Rade Krunic (©LaPresse)

Il Torino è molto soddisfatto del rendimento di Pobega e ha già provato a sondare la possibilità di inserire un diritto di riscatto oppure di prolungare di un anno il prestito. Tuttavia, da Casa Milan non c’è stata alcuna apertura a queste ipotesi. La società rossonera è convinta di far rientrare il calciatore alla base per poi valutarne il futuro.

Il quotidiano sportivo Tuttosport oggi aggiunge che il Torino sta pensando a un altro giocatore della squadra di Pioli, una “vecchia fiamma”. Il riferimento è a Rade Krunic, che era già finito nel mirino del club granata quando arrivò Marco Giampaolo in panchina. Quest’ultimo lo aveva voluto al Milan dopo averlo allenato a Empoli e lo voleva anche al Toro.

Il centrocampista bosniaco gode di stima da parte di Pioli e della dirigenza milanista, però non è un titolare inamovibile. Se dovesse arrivare una buona offerta, non escludiamo che essere presa in considerazione una cessione. A dire il vero, però, ultimamente si è più parlato di rinnovo che di eventuale vendita per Krunic.

Il direttore sportivo granata Vagnati potrebbe giocarsi la carta Andrea Belotti per intavolare una trattativa. Il Gallo ha un contratto in scadenza a giugno 2022 e ormai il suo addio sembra certo. Più volte è stato accostato al Milan, nonostante non risulti una negoziazione effettiva per il suo ingaggio.