Fiorentina-Milan 4-3, le pagelle: disastro Gabbia e Tata. Leao imprendibile, Ibrahimovic illude

Fiorentina-Milan 4-3, le pagelle: Gabbia e Tatarusanu da dimenticare, Theo Hernandez troppo superficiale. Leao e Ibra unici fari

Fiorentina-Milan
Fiorentina-Milan (Gettyimages)

Il Milan parte bene, segnando anche in offside con Ibrahimovic. E’ la Fiorentina però ad andare in vantaggio, con una clamorosa papera di Tatarusanu e un’indecisione altrettanto grave di Gabbia. Il portiere rumeno esce ma perde il pallone, Gabbia invece di spazzare l’area protegge il pallone, e Duncan lo infila. Il Milan cresce sul finire del primo tempo, ma è ancora la Viola a segnare con un gran gol di Saponara.

Nel secondo tempo i rossoneri sono vivi ma vanno solo vicini al gol dell’1-2, e la Fiorentina sfrutta gli spazi per segnare il 3-0 con Vlahovic. Pochi minuti dopo però è Ibrahimovic che la riapre con una doppietta. Prima lo svedese sfrutta un errore di Bonaventura in area, poi infila su assist di Theo a pochi passi dalla porta. Il Milan si fa ancora gol da solo con Theo che prova un dribbling al limite dell’area, perde palla e Vlahovic mette a segno il 4-2. Troppo tardi arriva il 4-3 del Milan, su autogol di Venuti.


Leggi anche:


Fiorentina-Milan, le pagelle

Tatarusanu 4,5: Grave indecisione in uscita sul corner, sfortunato nel rimpallo. La sua frittata costa l’1-0 viola.

Kalulu 6,5: Molto bene il terzino francese, aggressivo in anticipo e anche in impostazione. Pericoloso con i suoi cross e in ottima condizione fisica (Florenzi 56′ sv: ).

Kjaer 6: Il duello con Vlahovic è di quelli tosti. Il centrale danese fa sentire il fisico e viene spesso a prendere alto la punta fiorentina. Illumina come sempre con i suoi lanci, prima per Leao poi per Ibrahimovic.

Gabbia 3,5: In tandem con Tatarusanu è lo sfortunato protagonista del vantaggio della Fiorentina. Incomprensibile la giocata in protezione con la porta scoperta, male anche sul 3-0 di Vlahovic.

Theo Hernandez 5: Completamente invisibile durante tutto il primo tempo. Prova raramente le sue incursioni palla al piede, serve l’assist per il 3-2 ma regala palla alla Fiorentina per il gol del 4-2.

Tonali 6,5 : Buona la prova del numero 8, che dispensa sempre ottime giocate e lanci per i compagni (Bennacer 73′ sv)

Kessie 5,5: Anche per lui primo tempo da dimenticare, lontanissimo dal miglior Kessie della scorsa stagione.

Saelemaekers 5,5: Non il solito Saelemaekers, impreciso e sotto tono. Prova raramente a servire i compagni con alcuni cross mai pericolosi (Messias 56′ 6: entra bene il brasiliano, che prova a suonare la carica negli ultimi minuti anche con qualità e personalità nelle giocate).

Brahim Diaz 5,5: Un po’ in ombra nella prima parte della partita, prova a uscire come tutto il Milan mettendo qualità nelle giocate. Cresce nel secondo tempo (Giroud 56′ 5,5: prova a duettare con Ibrahimovic, lotta ed è l’ultimo ad arrendersi ma l’intesa con il compagno di reparto è ancora lontana ).

Leao 6,5: Il più pericoloso del Milan, è una meraviglia lo stop con cui si invola verso la porta dopo il lancio di Kjaer. Non riesce a essere concreto, sfiora più volte il gol. Senza dubbio il migliore dei suoi (Krunic 80′ sv).

Ibrahimovic 7: Nel vivo del gioco, segna anche in offside, prova sempre a dare la carica e striglia i compagni. Sbaglia un gol non da Ibra sul finire del primo tempo mandando largo di testa, riapre la partita con la sua doppietta, procura anche l’autogol del 4-3.