ML – Milan, Maignan è guarito: oggi in gruppo, per il rientro decide Pioli

Le ultime news sulle condizioni di Maignan. Il portiere è guarito e oggi è tornato ad allenarsi in parte con il gruppo

Maignan
Mike Maignan (©LaPresse)

Dopo Fiorentina-Milan, i tifosi chiedono a gran voce il rientro di Maignan. Il portiere francese è out da un bel po’ di tempo ma ora da Milanello arrivano notizie positive circa il suo ritorno in campo. Che sembra più vicino del previsto.

Mike Maignan è guarito. Infortunatosi dopo LiverpoolMilan ad Anfield, l’ex portiere del Lille si è sottoposto ad un intervento di artroscopia. I tempi di recupero erano fissati a circa due mesi, con tantissimi che definivano il suo 2021 finito. E in effetti, considerando la gravità del problema, sembra un’opzione molto probabile. Mike però ha lavorato tantissimo in questo periodo e oggi, lunedì 22 novembre, si può considerare del tutto recuperato. Adesso però c’è da fare un altro step prima di rivederlo in campo.


Leggi anche:


Maignan, cautela per il rientro

Tutto è nelle mani dello staff tecnico. Ora la priorità di Maignan è di riprendere confidenza con il campo e con il pallone. Dopodiché Pioli, insieme ai medici e ai suoi collaboratori, dovrà decidere se rimetterlo subito in campo o se aspettare ancora un po’. Nell’allenamento di oggi ha svolto lavoro sul campo insieme a Tatarusanu e Mirante, poi si è defilato per proseguire da solo con una parte di allenamento personalizzata. Non sarà in campo a Madrid per la Champions mentre qualcuno ha ipotizzato un clamoroso rientro per il Sassuolo domenica.

Difficile pensare ad una sua presenza subito a San Siro nel prossimo turno di campionato, sarebbe praticamente un miracolo. E sarebbe anche un rischio forse, visto che è guarito da pochissimo. Molto più concreta la possibilità che gli venga dato altro tempo per mettere minuti nelle mani, oltre che nelle gambe. Ma vedremo, Pioli non è nuovo a sorprese e chissà se ci sta pensando davvero. Una cosa è certa: la necessità che Maignan rientri il prima possibile è chiara ed evidente, e la recente partita di Firenze ne è una prova lampante. Domani, in occasione della conferenza stampa di vigilia del nostro allenatore, ne sapremo sicuramente di più. Non ci resta che aspettare.