Pioli: “Domani ultima possibilità. Abbiamo forti motivazioni”

Alla vigilia del match di Champions League fra Atletico Madrid e Milan, il centrocampista parla in conferenza stampa per presentare la sfida contro i Colchoneros. Segui con noi LIVE le dichiarazioni del centrocampista.

Dopo la sconfitta di sabato sera a Firenze, i rossoneri hanno il dovere di rialzare subito la testa e il match del Wanda Metropolitano può essere un’ottima occasione.

Pioli e Tonali
Pioli e Tonali (©LaPresse)

Gli spagnoli hanno parecchie defezioni in rosa e il Milan ha l’ultima chance per rimanere aggrappata al treno della qualificazione. Ibra e compagni sono ancora fermi ad un punto nel girone, quello conquistato nell’ultimo turno a San Siro contro il Porto. Domani sera a Madrid servirà un grande sforzo per uscire con i tre punti ma i ragazzi di Pioli hanno tutte le intenzioni di provarci. Non sarà del match Ante Rebic, di nuovo ai box dopo il problema avvertito in allenamento prima del match contro la Fiorentina. Sulle sue condizioni, e non solo, Stefano Pioli farà chiarezza nella conferenza stampa di oggi, in programma alle ore 14.00. L’allenatore parlerà insieme al centrocampista rossonero Sandro Tonali


Leggi anche:


Pioli e Tonali, la conferenza stampa pre Atletico-Milan

A prendere la parola inizialmente è stato proprio Sandro Tonali. Queste le sue parole:

La partita più importante della tua carriera?

“La partita più importante è sempre quella che deve venire, quindi domani è molto importante per tutti e dobbiamo fare uno step in più. Dobbiamo pensare solo a domani e dare tutto quello che abbiamo. La Champions ci ha dimostrato che ci sono squadre con giocatori che possono risolvere la partita in pochi minuti come è successo all’andata. Domani dobbiamo andar là e provare a vincere”

Quanto sei cresciuto?

“Sono cresciuto tanto. Sto facendo quello che non ho fatto l’anno scorso. Devo continuare così senza farmi illudere dai complimenti”.

Come stai vivendo la vigilia?

“E’ una gara fondamentale. Possiamo tornare da Madrid con la speranza di giocarci il passaggio del turno. Può essere una partita che ci darà grande carica per il futuro. In questa Champions abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti e domani l’unico obiettivo è vincere”.

Che partita sarà domani?

“La gara dell’andata è stata condizionata dall’espulsione, ma nella prima parte abbiamo fatto meglio noi. Dopo l’espulsione è stata un’altra”. partita.

Vuoi rimanere a lungo al Milan?

“Sicuramente è una cosa stupenda ma ce n’è ancora di strada da fare e di partite da giocare, quindi andiamoci piano”.

Cos’è mancato al Milan in questa Champions?

Tutte le squadre hanno più esperienza rispetto a noi. Qui ci sono tanti giocatori che giocano la Champions per la prima volta. Poi sicuramente gli episodi, l’attenzione e un po’ di sfortuna, però è il calcio.

Da bambino scrivesti a Santa Lucia. Cosa scriveresti a Sant’Ambrogio, che si festeggerà il giorno di Milan Liverpool?

“Magari gli chiederò di fare una grande partita e di portare a casa il risultato. Ora pensiamo solo a domani, dipende tutto da noi”.

Cosa temi dell’Atletico?

“Dobbiamo giocare pensando poco all’avversario. Lo abbiamo studiato tanto, ma dobbiamo pensare a fare la nostra partita. E’ un avversario forte, non dobbiamo preoccuparci tanto di loro, ma dobbiamo pensare a dare tutto”.

Domani c’è una favorita?

“Non lo so, però è vero che giocare in casa ti aiuta sempre. Succede anche a noi a San Siro con i nostri tifosi”.

Terminato il turno di Tonali, ha poi preso la parola l’allenatore del Milan Stefano Pioli. Queste le sue parole:

Cosa hai detto ai ragazzi prima dell’allenamento?

“Prima dell’allenamento abbiamo analizzato come gioca l’Atletico Madrid. Per questa partita è abbastanza semplice motivare i ragazzi, è l’ultima occasione per rimanere in Champions League”.

Come sta la squadra?

“La squadra è costruita per rimanere competitiva in entrambe le competizioni, per molti è la prima volta in Champions. Abbiamo dimostrato che no siamo distanti dalle altre, ma ci manca ancora qualcosina. Domani servirà una grande prestazione sotto tutti gli aspetti”.

Su Romagnoli e Tomori

“Romagnoli sta meglio ed è pronto per giocare. Rispetto a Firenze siamo gli stessi con Daniel Maldini in più fra i convocati. Proviamo a recuperare Tomori per domenica. Dal problema all’anca è arrivato un problema all’otturatore, un muscolo che gestisce un movimento dell’anca”.

Ha analizzato la prestazione di Firenze? Tatarusanu?

“Non si deve mai giudicare una prestazione per una giocata o una situazione. A Firenze abbiamo perso perché nelle due aree di rigore non siamo stati precisi come le altre volte. Abbiamo avuto meno attenzione del solito, non è una questione di approccio. Purtroppo non abbiamo fatto gol ma questo è il calcio. Dobbiamo sapere che per domani sera serve qualità e attenzione nelle due aree di rigore, altrimenti la prestazione è aria fritta”.

Alcuni giocatori giocano tanto in questo periodo

“Le mie scelte passano sempre dalle condizioni di ogni singolo giocatore. L’infortunio di Rebic ci toglie una pedina importante. In queste partite dovrò cercare di gestire al meglio Leao, Ibra e Giroud. Giochiamo ogni tre giorni e ogni partita pesa tanto”.

All’andata sconfitta nel finale. Cosa avete imparato?

“Conosciamo bene le loro qualità e la loro capacità di rimanere in partita fino alla fine. Credo sia una delle squadre che recupera più risultati in Europa. Le partite non sono mai finite fino al fischio dell’arbitro”.

Griezmann è recuperato

“L’Atletico ha giocatori di qualità davanti ed è una squadra compatta. Non so chi giocherà ma sicuramente saranno competitivi. All’andata in parità ce la stavamo giocando e così vogliamo fare domani”.