Atletico Madrid-Milan 0-1, le pagelle: Messias, che sogno! Ibra entra e spacca la gara

I voti e le pagelle ai rossoneri dopo la prestazione contro l’Atletico Madrid. Brahim Diaz migliore in campo; Messias fa sognare i tifosi rossoneri! Krunic da rivedere 

Una gara davvero emozionante quella andata in scena al Wanda Metropolitano tra Atletico Madrid e Milan. Almeno per i rossoneri! La squadra di Pioli ha conquistato una vittoria assolutamente meritata, e con i 3 punti in tasca può continuare a sperare nella grande impresa.

Junior Messias
Junior Messias (©Getty Images)

È stato Junior Messias, su assist di Franck Kessie, a segnare il gol del definitivo 0-1 in favore dei rossoneri, e a sbloccare una gara ostica sino a quel momento. Una rete che ha fatto sognare i tanti tifosi rossoneri! Il brasiliano, dalla Serie B è passato al Milan, e ha addirittura segnato il gol della speranza per i rossoneri in Champions League. 

Oltre a Messias, sono spiccate le prestazioni dei vari Brahim Diaz, Ibrahimovic, Kjaer e Romagnoli….una gara in cui la maggior parte dei rossoneri ha giocato molto bene, consapevole della posta in gioco. Di seguito i voti della nostra redazione alle prestazione dei singoli rossoneri scesi in campo stasera.


Leggi anche:


Atletico Madrid-Milan, le pagelle di MilanLive

Tatarusanu 6,5: Riscatta la figuraccia di Firenze. Si fa trovare pronto e attento ad ogni insidia. Sventa il pericolo con una bella parata nei minuti iniziali della gara sul tiro di De Paul.

Kalulu 6: Sbaglia poco ed è molto generoso sia in fase difensiva che offensiva . Serve diversi cross in mezzo e conferma la sua qualità nell’1 contro 1. (Dal 65’ Florenzi 6: buona la sua prestazione da subentrato. Tenta anche il gol con un buon tiro dalla distanza).

Kjaer 6,5: Solita prestazione da vero baluardo della retroguardia. Prezioso nel gioco areo, sventa la maggior parte dei pericoli in area rossonera.

Romagnoli 6,5: Conferma di essere un titolare e non una semplice riserva. Attento e scrupoloso in ogni intervento difensivo. Soffre, ma a piccoli tratti, qualche incursione di Griezmann.

Theo Hernandez 6: Una prestazione non superlativa. Poche scorribande e pochi tentativi di sfondare in zona avversaria. Nonostante ciò è sempre in partita ed è sempre lucido nei passaggi ai compagni. Bravo negli uno-due veloci con Brahim Diaz.

Tonali 6,5: Conferma la sua centralità nel gioco dei rossoneri. Lotta e si sbatte per l’intera gara ed è molto prezioso in fase di costruzione. (Dal 65’ Bakayoko 5,5: entra e si fa ammonire come spesso capita. Per il resto aiuta la squadra in fase di controllo palla e spreca anche un buon tiro per andare al gol).

Kessie 6,5: Assolutamente preziosa la sua prestazione. Non sarà la roccia dello scorso anno, ma continua con una moderata grinta ad aiutare i suoi. Al bacio il suo assist per Messias che regala il vantaggio al Milan.

Saelemaekers 6: Nel secondo tempo recupera la prestazione assolutamente opaca messa in campo nei primi 45 minuti. Lotta e compie delle giocate magistrali per provare a sfondare in zona avversaria.

Brahim Diaz 7,5: Che crescita per Brahim! Così giovane e con così poca esperienza è capace di giocare ad altissimi livelli in Champions. Ogni sua giocata è preziosa. Ottimo nell’affrontare i duelli, viene fermato soltanto attraverso interventi scorretti.

Krunic 5,5: Non entusiasmante la sua prestazione! Nonostante ciò fa il suo sporco lavoro per aiutare la squadra. Prezioso in fase di interdizione e però poco preciso quando c’è da impostare per provare a sfondare in area avversaria. (Dal 65’ Messias 7: una gara e un gol da incorniciare per il brasiliano. Sino all’anno scorso giocava nel Crotone, quest’anno veste la maglia rossonera e segna un gran gol di testa in Champions League. Ha fatto sognare i tanti tifosi milanisti!).

Giroud 5,5: Certamente può fare di più. È anche vero che i compagni non lo hanno cercato quanto dovuto, ma spesso appare spaesato e incapace di complicare i piani ai difensori avversari. (Dal 66’ Ibrahimovic 7: entra e spacca una gara bloccata in attacco. È subito protagonista mettendo i compagni nella posizione di essere pericolosi. Sfiora anche il gol, ma questo è Ibra insostituibile!).