Maignan, recupero a tempo record: “E’ pronto, ora tocca a lui”

La grande novità del match tra Milan e Sassuolo sarà il ritorno in tempi brevissimi di Mike Maignan, di nuovo titolare tra i pali.

Tra i tanti dubbi di formazione e di turnover in vista delle prossime sfide, Stefano Pioli ieri in conferenza stampa ha annunciato senza remore un gradito ritorno in campo.

Mike Maignan
Mike Maignan (©LaPresse)

Mike Maignan sarà titolare oggi contro il Sassuolo. Un recupero straordinario per tempistiche ed abnegazione quello del portiere francese, che si lascia così alle spalle i postumi dell’intervento al polso.

“Mike ha accelerato tantissimo perché ha una grandissima mentalità. È pronto e con il Sassuolo giocherà lui. Tatarusanu ha fatto bene e sono molto contento di lui, ma da adesso tocca a Maignan” – ha ammesso candidamente Pioli. Una delle migliori notizie degli ultimi tempi in casa Milan.


Leggi anche:


Lo sprint di Maignan: poco più di un mese per il recupero

Ciò che stupisce sono i tempi di recupero. Per un portiere è doloroso e lungo di solito il ritorno alla piena forma dopo un’operazione agli arti o ad una parte della mano, come quella subita da Maignan.

Il classe ’95 tornerà invece a difendere i pali del Milan dopo soli 46 giorni dall’intervento. Un rush incredibile, a cui in pochi credevano. Lo staff medico rossonero parlava addirittura di fine dicembre o inizio gennaio come periodo ideale per un suo rientro, invece il francese ha stupito tutti.

Pioli ci ha tenuto a ringraziare Ciprian Tatarusanu, che tutto sommato ha sostituito Maignan tra i pali discretamente. Al netto della pessima prova di Firenze, il rumeno andrà ricordato per il rigore parato a Lautaro Martinez nel derby e per aver chiuso la porta nel successo storico con l’Atletico Madrid.

Maignan si era infortunato con un Milan imbattuto in campionato ma in difficoltà nella corsa Champions. Oggi rientra trovando i rossoneri bisognosi di una vittoria e di certezze, per evitare complicazioni in classifica. Il numero 16 è pronto a dare una mano, da leader qual è sempre stato anche prima dell’intervento al polso.