Ibrahimovic concede il bis: rovesciata a Udine, come un anno fa

Ibra c’ha preso gusto: per il secondo anno consecutivo va a segno alla Dacia Arena nello stesso identico modo, sempre nel finale.

Ancora una volta il Milan si aggrappa a Zlatan Ibrahimovic. Il leader della squadra rossonera, a 40 anni già compiuti, è di nuovo il salvatore della patria.

Ibrahimovic
Ibrahimovic e Becao (©Getty Images)

Il pareggio ottenuto in extremis in casa dell’Udinese non sarà certo visto come un risultato assoluto. Ma tiene a galla un Milan che sta vivendo il periodo più delicato della sua stagione.

Prima l’eliminazione in Champions League ai danni del Liverpool, ora un pari striminzito che rischia di complicare leggermente la corsa allo scudetto. Ma quanto meno il Milan si può consolare con un Ibra che sa ancora dominare in attacco ed in zona-gol.


Leggi anche:


Altra prodezza alla Dacia Arena: rovesciate a confronto

Il dato clamoroso è che Ibrahimovic, oltre ad aver raggiunto quota 300 reti in carriera (meglio hanno fatto solo Messi e CR7), ha stabilito un piccolo record.

Lo svedese ha segnato due reti praticamente identiche a distanza di un anno circa, entrambe alla Dacia Arena di Udine. E sempre nel finale della partita.

Ieri Ibra si è esibito al 92′ del match di Udine con una rovesciata in mischia. Sponda aerea di Daniel Maldini, rimpallo con i difensori friulani e demi-volée dell’attaccante che mette il pallone alle spalle di Silvestri con una giocata in acrobazia che solo lui è in grado di fare.

I più attenti hanno rivisto e ricordato la splendida rete di Ibrahimovic a Udine del 1 novembre 2020: in quel caso la sfida tra Udinese e Milan era ferma sul punteggio di 1-1. All’83’ minuto, su cross di Rebic, il difensore friulano De Maio alza un campanile sul quale si tuffa in rovesciata Ibra.

Ibra
Gol di Ibra a Udine (©LaPresse)

Pallone colpito quasi di caviglia, che diventa beffardo per l’allora portiere bianconero Musso. Pallone all’angolino e vittoria rossonera per 2-1. Una giocata molto simile, per movimento e coordinazione, a quella che ieri sera ha salvato il Milan dalla sconfitta, sempre in territorio friulano.